Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 21 Novembre2019


(Alessandro Scorsone e Paolo Fiorini)

di Maristella Vita

In Italia in molti producono “bollicine”, un trend in crescita grazie alle dinamiche favorevoli della moda del momento; vini bianchi e spumanti in particolare vanno alla grande su tutti i mercati, spinti da nuove abitudini come quello degli Aperitivi e del Prosecco. 

In testa alle vendite degli sparkling wine ci sono infatti in Italia il Prosecco, seguito dal Franciacorta, Trento Doc, Conegliano-Valdobbiadene Docg. Tra i primi si colloca anche il Lessini Durello Doc, spumante che nasce in collina che si trova tra Verona e Vicenza, a nord di Soave, in Lessinia appunto, da un vitigno autoctono, l’uva “durella”; quasi una Cenerentola di fronte a questi colossi, che però silenziosamente, ma con grande fierezza, si confronta con i mostri sacri della bollicina italiana e mondiale. Andiamo quindi a conoscere meglio questo vino, e lo facciamo con il Presidente del Consorzio, Paolo Fiorini, eletto a marzo scorso per il biennio 2019-2021. Fiorini, enologo ed agronomo, è il responsabile tecnico della Cantina di Soave, al momento della nomina aveva ribadito la volontà di portare avanti le scelte assunte dalla presidenza precedente che si era fatta promotrice della storica scelta di distinguere il Lessini Durello Metodo Italiano dal Monti Lessini Metodo Classico.

Presidente ci dica anzitutto il perché di questo successo?
"Quella del Monti Lessini e del Lessini Durello è una storia che affonda le sue radici in un passato lontano; ed è quella di un legame tra un’uva, la Durella, vitigno antico e autoctono, e il suo territorio, con la perfetta sintonia tra vitigno e i fattori termici, idrici, pedologici e colturali; alta collina e suoli prevalentemente di origine basaltica definiscono dei vini molto caratteristici".

Ci parli della Durella.
"Quest’uva dalle origini lontanissime è la chiave dell’unicità del nostro spumante, che si presta ai vari metodi di spumantizzazione. Infatti con la nuova modifica dei disciplinari di produzione abbiamo ora due Doc dedicate distinte: il “Lessini Durello”, cioè il metodo italiano (o charmat) ottenuto esclusivamente con la rifermentazione in autoclave; e il “Monti Lessini” ottenuto con rifermentazione in bottiglia (metodo classico) con una permanenza sui lieviti per almeno 24 mesi; dai 36 mesi potrà fregiarsi della menzione riserva".

Le differenze?
"Il Durello spumante nasce da un uvaggio che prevede un minimo di 85% di uva Durella, con possibili aggiunte di Chardonnay, Garganega, Pinot Bianco e Pinot Nero. L’alta percentuale di acidità totale lo rende ideale a ciò. In entrambi è comunque, la freschezza e la caratteristica persistenza olfattiva, a definire fortemente l’identità. Più fruttato e fragrante il primo; più strutturato, pastoso e complesso il secondo, che può arrivare anche oltre i dieci anni di affinamento". 

Presidente, parliamo ora del Consorzio...
"Il territorio del Lessini Durello non è grande, si estende su 375 ettari sulle colline tra le provincie di Verona e Vicenza. Il 73% della superficie vitata si trova in provincia di Verona. Nel 2018 sono state imbottigliate (sboccate nel caso del metodo classico) quasi 1 milione di bottiglie, di cui il 10% è a metodo classico. Stimiamo che sull’intera produzione sia in catasta circa il 30% a metodo classico".

E riguardo ai soci?
"Attualmente il Consorzio è composto da 35 soci che rappresentano il 91% dell'intera produzione di vino imbottigliato". 

Dove si beve il Durello?
"La gran parte del prodotto è venduto e apprezzato in Italia. Non esportiamo molto a dire il vero, per ora. Soprattutto negli Stati Uniti, Germania e Giappone". 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search