Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 20 Ottobre2015


(Massimo Bottura - Ph Filipe Barranco)

“Per diventare il numero uno devi crescere molto lentamente, avere delle radici profonde". E sottolinea: "Non si è mai mangiato così bene in Italia come in questo momento, ma i cuochi devono studiare. Il mio piatto preferito? Il tortellino crudo”. 

Così lo chef Massimo Bottura, proprietario dell'Osteria Francescana di Modena che è il miglior ristorante italiano per tutte le guide e il terzo nella classifica dei 50 migliori del mondo ai microfoni di Radio Club 91 nel programma Sapori di Sera con Roberto Esse. Bottura è soddisfatto che “finalmente le istituzioni hanno capito cosa vuol dire e cosa possono fare i cuochi che sono un concentrato di formazione, cultura, agroalimentare e turismo”. E rivela: “Il mio piatto preferito? Il tortellino crudo perché quando la famiglia si riunisce e vado a rubare il tortellino crudo ritorno bambino”.

Per i cuochi del futuro si augura un futuro migliore, ma “devono studiare di più approfondire tante materie tra cui anche il management. Il cuoco contemporaneo può aprire nuove strade come con il refettorio ambrosiano, la scuola di agricoltura di Castelfranco. L'Italia deve ripartire dalla formazione dall'agricoltura e dal turismo; siamo botteghe rinascimentali e formiamo i cuochi del futuro”.

La sua cucina trae ispirazione dalla vita: "Non bisogna prendersi troppo sul serio. Da qui nascono piatti come la ‘Compressione di pasta e fagioli’, ‘Ricordi di un panino alla mortadella’, ‘Ops mi è caduta la crostatina al limone’, ‘Pane e Oro’. La cultura genera conoscenza, la conoscenza apre la coscienza e la coscienza genera il senso di responsabilità. E tutto questo si ritrova anche nei miei piatti come in ‘Il Nord che vuole diventare il Sud’ ossia polenta croccante bruciata e riso cotto nel latte estratto dalla mozzarella di bufala che vogliono diventare una pizza”.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search