Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 18 Marzo2020
Paolo Castelletti

di Emanuele Scarci
Vinitaly sì, Vinitaly no a giugno 2020. Il dramma della pandemia da coronavirus ha rimescolato le carte.

Alcuni consorzi hanno preso posizione, ma soprattutto si sono spaccate le due associazioni dei produttori del vino. Con un doppio salto carpiato, Federvini è passata dal volerlo mantenere ad aprile al "no", mentre Unione italiana vini si attiene alle indicazioni emerse dal tavolo degli stakeholder convocato da Veronafiere: il prossimo 3 aprile dovrà pronunciarsi se sussistano le condizioni o meno per celebrare Vinitaly.

“Veronafiere - commenta Paolo Castelletti, direttore generale di Uiv - correttamente ha costituito un tavolo con le principali organizzazioni del vino. Nell’ultima riunione si è deciso di attendere il 3 aprile per capire e decidere sulla base dello scenario. Oggi è del tutto fuori luogo dire "sì" o "no". Nessuna ha la sfera di cristallo. Un’organizzazione ha deciso che non si possa fare, ma non si capisce su quali basi. VeronaFiere non si è mossa unilateralmente, ma ha coinvolto da un mese e mezzo a questa parte la filiera del vino. Uiv è allineata con Veronafiere per decidere il 3 aprile il da farsi. Oltre Pasqua non si può perché ci sono aspetti organizzativi e logistici”.

Federvini che siede al tavolo ha deciso di no, Vinitaly in giugno non sarebbe all’altezza della tradizione.
"Non spetta a me giudicare altre organizzazioni. Ci sono posizioni diverse dettate dall’emozione di quello che succede. Questo atteggiamento non è solo inutile nell’esporsi con dichiarazioni unilaterali, ma anche dannoso: il settore ha perso un’altra occasione per presentarsi unito, visto che VeronaFiere il suo lavoro l’ha fatto con tutti gli attori. Era importante comportarsi coerentemente e decidere insieme il 3 aprile. Non so cosa ci sia dietro e il motivo per cui qualcuno si sia esposto a dire non s’ha da fare".

Secondo alcuni operatori, in giugno le imprese sono impegnate nel lavoro in vigna
"Mah, non credo. La parte delle imprese viticole che partecipa a Vinitaly è quella commerciale. Semmai la domanda da porsi è: saremo ancora in grado a giugno di far venire buyer e distributori e fare un Vinitaly all’altezza. Chiaro che se prima di Pasqua non ci saranno queste condizioni è interesse delle aziende e di Veronafiere rinunciare. Un Vinitaly sottotono non farebbe bene a nessuno".

Psicosi da coronavirus: si sostiene che ci sarebbe stato un calo dei consumi di vino in Italia del 20%. E vero?
"Non risulta che la domanda in Italia sia calata del 20%: la grande distribuzione tira moltissimo, tant’è che le imprese impegnate sugli scaffali girano a pieno ritmo, con crescite consistenti. Non v’è dubbio però che l’horeca sia completamente ferma. E tenendo conto dei pesi dei due canali, direi che il -20% è sparato a vanvera".

Chi soffre di più in Italia
"I marchi nazionali che puntano sull’horeca (hotel, ristoranti, bar ndr). E che fatturano il 50-60% in Italia".

Sul fronte dell’export?
"Le esportazioni stanno tenendo, ma il timore è che se la pandemia si estendesse ai nostri 5 principali mercati - Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Germania, Canada e Russia – e si chiudessero bar e ristoranti, l’export andrebbe in crisi. Le esportazioni contribuiscono al 50% delle vendite. Alcuni paesi del centro Europa hanno iniziato ad adottare provvedimenti restrittivi e anche per questo gli importatori hanno fatto magazzino".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search