Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 26 Ottobre 2012
di Redazione

Intervista alla vice ambasciatrice d’Europa per lo champagne eletta in Francia pochi giorni fa

Dice che lo Champagne è il simbolo più rappresentativo della combinazione peculiare di uomo, cielo e terra.

Un calice carico di suggestioni e sogni. Chiara Giovoni (nela foto), milanese (ma di madre siciliana con l’Etna nel cuore) è una giovane donna di 34 anni e di mestiere fa la sommelier. Lo scorso 18 ottobre si è classificata al secondo posto al Concorso Europeo “Ambasciatori dello Champagne” nella finale che si è svolta a Epernay. Il concorso internazionale ha l’obiettivo di sottolineare l’importanza di un approccio pedagogico nella diffusione della cultura dello Champagne e delle sue qualità.

A quasi dieci giorni dal traguardo raggiunto Chiara non nasconde il suo entusiamo: “E’ stata una grande soddisfazione personale. Adesso mi piacerebbe sviluppare dei progetti legati alla degustazione e dedicarmi alla promozione del mio libro Bollicineterapia edito da Salani, nelle librerie dal 15 novembre, che contiene una parte dedicata proprio allo Champagne”. Una passione per il vino nata ai tempi dell’università. “Ma il desiderio di diventare sommelier” racconta “è nato in me quando la passione e la curiosità non bastavano più. Servivano strumenti, tecnica e conoscenza”. Decise così di iscriversi al primo livello AIS a Milano, diplomandosi nel giro di un anno e completando i tre corsi.

Qualcuno potrebbe osservare che un sommelier è un architetto di profumi e di sapori che riesce a presentare le sue proposte con precisione e creatività. Anche quando si parla di Champagne, il vino più concettuale al mondo. Il vino dell’allegria che Chiara beveva a casa durante le feste: “a casa si è sempre bevuto il Moet & Chandon, per lavoro invece il primo che ho assaggiato nel locale di Nicola Cavallaro è stato un Pol Roger Cuvee Sir Wiston Churchill. Amo lo champagne perché ha molte sfaccettature ed una storia affascinante e avvincente legata al territorio. E’ bello poi berlo in base al proprio mood: in questo momento ad esempio sceglierei un Louis Roederer Cristal”. Si dice che le donne abbiano per il vino una sensibilità unica ed innata.

Eppure il mondo del vino è ancora un po’ visto come un universo al maschile. Quali sono le difficoltà per le donne che fanno questo mestiere? Chiara Giovoni rimane a pensare un istante al telefono poi ammette:“Chi lavora come sommelier vive molto la sera e questo rende un po’ difficile coniugare la professione con la famiglia. Molte donne sono, però, a capo di grandi aziende anche nel campo del vino, dove la crisi ha sicuramente cambiato l’approccio del cliente che adesso guarda molto i prezzi. Tuttavia penso che chi si vuole concedere una serata che sia un’esperienza gastronomica unica non si crei troppi problemi a spendere un po’ di più. Magari è più accorto nell’acquisto del vino da destinare alla tavola di casa”

Sostiene Chiara Giovoni che il sommelier non deve essere visto come il guru dal giudizio insindacabile. “Il vero sommelier è anzitutto uno psicologo. In cinque minuti deve comprendere la persona che ha davanti e soprattutto deve saper coinvolgere il cliente nella scelta che gli propone riuscendo magari anche a raccontare le proprie esperienze non solo di degustatore, ma anche di narratore dei territori in cui nascono i vini”.

Ed è proprio il viaggio, secondo la Giovoni, che può arricchire ulteriormente questa professione. Un sommelier, verrebbe da dire, potrebbe diventare un viaggiatore che con lo sguardo proprio del flaneur gira il mondo fermandosi spesso a guardare con nuovi occhi. Perché vedere e viaggiare sono inseparabili. “Viaggiando” conclude Chiara “camminando tra i filari, conoscendo i territori si può realmente comprendere il vino e le storie degli uomini che lo producono”.

Rosa Russo


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search