Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 14 Maggio2021
Giuseppe Mariano e Massimo Billetto

di Annalucia Galeone

In Italia il turismo dopo la pandemia avrà un nuovo volto, ma quale?

I dubbi e le domande sono numerosi, il mondo è cambiato così come le tempistiche di programmazione del viaggio, le abitudini e la durata. Aumenterà la domanda in bassa stagione, nei giorni infrasettimanali e le vacanze brevi. Dalle analisi di settore si evince che il Belpaese ha un grande appeal, è sempre al top nei desideri dei turisti di tutto il mondo, per fare il punto tra nodi da sciogliere, opportunità e strategie da saper cogliere. Abbiamo intervistato Giuseppe Mariano general manager presso Vestas hotel e resorts a Lecce e tesoriere dell'European Hotel Managers Association e Massimo Billetto esperto in banqueting e catering. Nelle future scelte dei viaggiatori sicuramente ci sarà una maggiore consapevolezza delle mete e della qualità dell’offerta. Se c’è un aspetto da considerare positivo nella tragedia della pandemia, è sicuramente quello del ridimensionamento di tutte le proposte di bassa qualità che, nel settore del turismo, sono spesso mascherate da slogan allettanti.

“I viaggi in Europa saranno vincolati alle politiche degli stati - sottolinea Giuseppe Mariano - prima di iniziare un viaggio il turista verificherà la sicurezza per evitare inconvenienti in aeroporto, durante gli spostamenti e in albergo. Dalle conference call con i maggiori tour operator stranieri è emerso che i componenti del segmento luxury composto soprattutto dai visitatori provenienti da Nord America, Canada, Australia, Russia e Arabia tenderanno a restare nei paesi di appartenenza. Nel breve termine è dunque confermata la tendenza al turismo di prossimità. Un flebile segnale di ripresa si avvertirà a settembre, ma solo nel 2022 si potrebbe notare una lieve ripartenza. Esiste un preconcetto sulla nostra cattiva organizzazione, l'Italia è però il paese europeo con il maggior numero di camere d'albergo e il quarto nel mondo dietro Stati Uniti, Giappone e Cina. Nel 2013 il patrimonio alberghiero italiano contava 33.316 esercizi, 1.089.770 camere e 2.233.823 posti letto. Se la percezione sarà positiva il turista sarà disposto a muoversi, Dobbiamo investire, innovare e rinnovare, organizzare capillarmente i servizi adeguandoli alle nuove esigenze, rispettare le normative, infondere fiducia e comunicare in modo idoneo le novità. L'ospite richiederà una pulizia estrema nelle stanze d’albergo e preferirà i luoghi isolati e l'aria aperta per la paura della folla e degli assembramenti”.

Legato a doppio filo al turismo estero è il settore wedding ed eventi, genera un indotto di decine e decine di miliardi di euro, dando lavoro a oltre un milione e mezzo di persone. Il crack ha generato una voragine economica spaventosa che probabilmente ha già ampiamente superato i 100 miliardi. “Gli imprenditori - afferma Massimo Billetto - che desiderano sopravvivere e trovare nuove forme di sviluppo nell’era post-Covid dovranno, soprattutto nel settore turistico, abbandonare il vetusto conseguimento perpetuo dell’ottimizzazione dei profitti, ma ragionare nell’ottica che il profitto sarà una naturale conseguenza di conversioni ragionate verso la sostenibilità. Nell’incertezza è iniziata la cancellazione degli eventi già riprogrammati dallo scorso anno. Il clima di instabilità sta frenando anche i potenziali nuovi clienti per il 2022. L’incidenza della clientela straniera è andata crescendo progressivamente nel corso degli ultimi cinque anni. E, ovviamente, le prime cancellazioni e perdite derivano proprio dal pubblico straniero, per il quale ci vorrà molto tempo prima che possa riacquistare fiducia nella nostra offerta. Il banqueting e il wedding sono le attività più penalizzate perché vivono di programmazioni e di investimenti preventivi. Per qualunque altra attività, dalla ristorazione ai teatri, dalle palestre ai cinema è possibile ripartire in pochi giorni e avere subito clientela”.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search