Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 20 Settembre2021
Alessio Turazza

di Giorgio Vaiana

Un viaggio su e giù per l'Italia per raccontare tutti i segreti delle "nonnine" dei vigneti del nostro paese.

Alessio Turazza, giornalista del Gambero Rosso, ha realizzato una serie di reportage che saranno pubblicati nella rivista italiana di Food and wine, in cui racconta le vigne centenarie italiane. Un patrimonio di inestimanbile valore, non solo culturale. A Cronache di Gusto, racconta il suo lavoro.

Come nasce l'idea del reportage sulle vigne centenarie?
"Sono sempre stato appassionato di storia della viticoltura e l'interesse per le vigne centenarie s'inserisce all'interno di questo percorso. Le vigne prephylloxera costituiscono un prezioso patrimonio sopravvissuto al flagello che ha distrutto quasi tutto il vigneto europeo. Un tesoro da custodire con cura, memoria del passato e di una biodiversità ormai scomparsa. Inoltre, le vigne centenarie sono di una bellezza straordinaria. I loro tronchi maestosi disegnano paesaggi di grande fascino".

Hai iniziato dall'Etna, territorio che sta vivendo un grande exploit. E ricco di vigne centenarie. Raccontaci un po' questo viaggio?
"Amo molto l'Etna e i suoi vini. Quando assaggio un vino che mi piace sento la necessità di andare a vedere il luogo in cui nasce. È cominciata così, molti anni fa, la scoperta delle vigne centenarie dell'Etna. Da alcuni anni la dicitura "prephylloxera" è iniziata a comparire sempre più spesso sulle etichette dei vini etnei. Oggi esistono molte bottiglie realizzate solo da vigne centenarie ed era il momento di parlarne e di approfondire l'argomento".

C'è qualcosa che ti ha colpito in particolare dei territori del Vulcano?
"I vulcani e in particolare l'Etna, mi trasmettono sempre una sensazione di straniamento, di disorientamento esistenziale di fronte alla forza assoluta degli elementi primordiali. È un fascino magnetico che attrae in modo istintivo e irrazionale ed è ripagato da vini straordinari".

Come sta in generale il mondo del vino italiano? Quali i punti di forza e quali le debolezze?
"A parte le difficoltà contingenti dovuti alla pandemia, il vino italiano è, in generale, in continua crescita. Oltre alle eccellenze prodotte nelle aree più famose, la valorizzazione del patrimonio delle varietà autoctone ha permesso di portare alla ribalta territori e vini molto interessanti, che hanno arricchito e vivacizzato il panorama enologico della penisola".

Quali secondo te i territori del vino italiani da tenere d'occhio nei prossimi mesi?
"Terrei d'occhio la Valle Isarco, soprattutto per il Sylvaner, la zona dell'Umbria del Trebbiano Spoletino, l'area marchigiana della Ribona e ovviamente l'Etna, un territorio che non si finisce mai di scoprire per la sua sfaccettata complessità, fatta di altitudini, esposizioni e composizione dei suoli molto diversi".

La tua ultima "grande" bevuta... Cosa avevi nel calice?
"Un ottimo Riesling, tra i miei vini preferiti in assoluto".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search