Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 22 Novembre2021
Simone Padoan - ph Aromi.group

di Maddalena Peruzzi

Simone Padoan non ha bisogno di presentazioni. Sono trascorsi più di 25 anni da quando ha aperto I Tigli, il suo famoso locale di San Bonifacio, nella provincia orientale di Verona.

Era il 1994 e da allora ha rivoluzionato il concetto di pizza, con il massimo rispetto, ma senza alcun timore reverenziale nei confronti della tradizione. La sua filosofia? Lievitazione naturale, ricercatezza negli impasti, ingredienti italiani di altissima qualità e poi la cosa più difficile di tutte: semplificare. Perché, come dice lui, “il cibo è una cosa semplice”. Simone ci ha spiegato il suo punto di vista in modo aperto e diretto, rivelandoci anche qualcosa di personale…

Entriamo subito nel vivo, le piace la definizione “pizza gourmet”?
"No, non mi piace perché presuppone che la possa comprendere solo un buongustaio e questo va contro l’essenza stessa della pizza che è il piatto pop per eccellenza. La pizza deve essere immediata e piacevole per chiunque la addenti, a prescindere da quanto siano ricercati e costosi gli ingredienti con cui è fatta o da quanto lavoro ci sia dietro".

Cos’è la pizza per lei?
"La pizza è un piatto unico, emblema dell’Italia, ed è sempre contemporanea perché è figlia del suo tempo. Sempre, anche se i tempi cambiano. Partendo da queste considerazioni ho cercato di sviluppare qualcosa che fosse totalmente mio, unendo le mie due grandi passioni: la pizza e la cucina".

La pizza è più scienza, più artigianato o più arte?
"Sono vere tutte. La pizza è un’alchimia".

Si definirebbe uno chef o un pizzaiolo?
"Sono semplicemente un uomo di cucina".

Qual è il segreto di un locale di successo come I Tigli?
"A monte serve un’idea e a valle serve il consenso: quello che proponi deve piacere, altrimenti non ha senso. Se voli troppo in alto perdi di vista i fondamentali, il cibo è una cosa primordiale, viscerale. Non sono per la cucina concettuale, per i viaggi mentali. La sfida non è realizzare piatti sempre più complessi, è riuscire ad arrivare diretti al cuore delle persone".

La tradizione è una zavorra?
"La tradizione è un bagaglio di conoscenza che ti serve per intraprendere il viaggio, ma può diventare limitante, in Italia soprattutto. Ciascuno dovrebbe sentirsi libero di proporre cose differenti, avere il coraggio di portare avanti la propria idea personale, di raccontare la propria storia".

Ci sono limiti all’innovazione?
"No, l’unico limite è la capacità di creare qualcosa che abbia davvero senso".

Ma non è sempre facile seguire la propria strada…
"No infatti, non lo è stato neanche per me. All’inizio mi consideravano un alieno, mi sono sentito definire “il polentone che fa pizza”, dicevano che quella che proponevo io non era pizza. Poi in quasi trent’anni ne sono cambiate di cose, per fortuna".

Fatto cento il mondo della pizza italiana, quanto è “fuffa” e quanto è verità?
"90% fuffa e 10% verità. Questo 10% è fatto di persone che stanno lavorando molto bene e sanno davvero fare la pizza".

Pizza e birra o pizza e vino?
"Pizza e vino. Sono un grande amante della birra, ma il connubio perfetto per me è con il vino. Chiaramente sono gli ingredienti della pizza a determinare qual è il vino giusto da abbinare".

Un vino che le piace tanto?
"Lo spumante Lessini Durello, gioco in casa".

Due piatti per cui va pazzo?
"La pizza Margherita e i dolci, sono molto goloso".

Libro sul comodino?
"Negli ultimi anni ne ho impilati tanti e ne ho letti pochi, per mancanza di tempo, purtroppo".

So che è uno sportivo…
"Sì, mi piacciono soprattutto gli sport di fatica, perché ti insegnano che dove non arriva il fisico arriva la testa. Il talento, in qualunque ambito, si sviluppa con la perseveranza, da solo non basta mai".

La cosa che la fa più arrabbiare?
"L’incoerenza".

La cosa che le fa più paura?
"Il tempo. Corre troppo veloce".

Ci racconta un retroscena divertente della sua vita in cucina?
"Mi diverto a mordere le orecchie delle persone che lavorano con me, ovviamente a tradimento. Sul lavoro sono molto esigente, ma mi piace anche scherzare. In cucina siamo una famiglia".

Commenti   

0 #1 Tommaso Vatti 2021-11-23 08:25
Sei un grande
Grazie
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search