Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 11 Gennaio2022
Sandro Gini - ph Vincenzo Ganci

di Giorgio Vaiana

Il nuovo direttore è già dietro la porta. Poi c'è il programma di promozione internazionale. Senza dimenticare quella "in patria".

Per il consorzio del Soave il 2022 sarà un anno impegnativo. Ne abbiamo parlato con il presidente del consorzio Sandro Gini. "Il nuovo direttore ci sarà a breve", dice nel corso della nostra intervista. La sensazione è che il nome ci sia già, ma Gini non si sbilancia: "Lo saprete presto". Un compito difficile, quello del nuovo direttore: non far rimpiangere i 22 anni di Aldo Lorenzoni che è andato in pensione qualche tempo fa. Poi le attività di promozione. "Per il Soave il 2022 vedrà un'intensa attività di promozione dei suoi vini all'estero, soprattutto in Europa", spiega Gini. Il programma di promozione prevede attività-spot in vari paesi, soprattutto in Germania e nel Nord Europa. L'anno nuovo è iniziato tracciando un bilancio di quello appena concluso. "Dal punto di vita commerciale siamo soddisfatti - spiega Gini - Il 2021 è stata un'annata molto importante, abbiamo mantenuto tutti i nostri mercati di riferimento, vendendo le nostre bottiglie. Siamo perfettamente alineati alle nostre medie. Il 2020, in realtà, non ha fatto diminuire le nostre vendite. Lo scorso anno abbiamo registrato un incremento generale".

Sul fronte della produzione e della vendemmia Gini dice: "Abbiamo raccolto meno uva, ma di grande qualità", dice il presidente. Il consorzio, infatti, con un provvedimento, aveva deciso di ridurre le rese, pssando a 130 quintali per ettari: "Decisione corretta e si vedrà in bottiglia. I vini stanno venendo molto bene". Ma per Gini, la cosa importante è continuare a sottolineare l'aspetto vulcanico di questi vini: "Stiamo facendo un bellissimo lavoro. Anche con le unità geografiche aggiuntive che, secondo me, vanno destinate a quei territori che sono davvero vocati a operazioni simili e che possano davvero dimostrare le differenze di produzione che ci sono magari tra un vigneto e un altro - spiega il presidente - Operazioni che fanno rialzare la testa a un territorio magnifico, con delle micro-aree che danno vini diversi, dalle varie espressioni. Un modo per allargare la proposta del Soave, comunicando che non c'è un solo Soave, ma tanti Soave, che ogni collina ha una sua tipicità".

E poi le bellezze delle colline del Soave, inserite nel patrimonio internazionale della Fao (sono solo 55 al mondo): "Il nostro obiettivo è quello di mettere a sistema l'intero territorio, fatto di immense bellezze cercando di valorizzarlo al massimo - dice Gini - E per farlo abbiamo pensato di coinvolgere non solo tutti i produttori, ma anche i vari comuni che ricadono all'interno del nostro territorio, perché desideriamo che tutto funzioni a meraviglia, che tutto sia curato perfettamente e abbellito in maniera importante. Credo che il 2022 sarà un anno importante dal punto di vista enoturistico. Lo abbiamo già visto. Con la bella stagione lo vedremo ancora di più. E non dobbiamo farci trovare impreparati. Quindi penseremo ad una serie di iniziative per i nostri territori, magari ristrutturando i muretti a secco, creando percorsi specifici o delle nuove aree panoramiche. Qui c'è un paesaggio unico, intatto. Siamo stati bravi a custodire e conservare la biodiversità di queste zone, non costruendo mai nulla che potesse deturpare l'ambiente. La gente, adesso, ha voglia non solo di conoscere i produttori delle zone, andando a trovarli nelle loro cantine, ma anche di assaggiare e scoprire quali vini producono". Chiusura di Gini sul Vinitaly: "C'è mancato - dice - Speriamo che la situazione si evolva al meglio velocemente, anche se per adesso i dati non sono molto confortanti. Ma noi siamo pronti a rifare un grande Vinitaly".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search