Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'olio della settimana il 19 Luglio 2014
di Redazione

Nocellara del Belice.

Erano gli anni 50 quando nonno Tano Genco decise di creare un’azienda di florovivaismo in quel di Castelvetrano in provincia di Trapani e subito dopo il terremoto del ’69 vi affiancò un’attività agricola basata sugli agrumi e sugli ulivi, rispettivamente 20 e 10 ettari. I figli, non occupandosi di agricoltura a titolo principale, cominciarono a trascurare la campagna per cui il nipote Claudio, aiutato da papà Maurizio, che nel frattempo aveva creato per l’olio il marchio Nocellino, nel 2000 ha rilevato l’intera azienda, l’ha migliorata ed ampliata portandola a 40 ettari, impiantando altre 2.000 piante di Nocellara.
 
Oggi il ventinovenne Claudio produce mandarini tardivi di Ciaculli, clementine senza semi e le olive di 6.500 piante, per la maggior parte di 60 anni. Sono 3 lotti: a Canalotto dove insiste anche il centro aziendale, a Latomie e a Pace e visto che la Nocellara del Belice si presta magnificamente anche ad oliva da mensa la metà circa della produzione non è trasformata ad olio.
 
Un impianto irriguo è utilizzato solo quando serve, le concimazioni sono principalmente organiche e la lotta alla mosca è effettuata in caso di estrema necessità. Il biologico non è nei piani di Claudio che rifugge dalle complicazioni burocratiche tanto da non affrontare nemmeno la DOP e non possedendo frantoio si serve di uno moderno con decanter a due fasi, quindi senza aggiunta di acqua che potrebbe diluire una parte dei polifenoli.
 
La produzione media è di 1.300 quintali di olive e gli uliveti sono potati per dare complessivamente una produzione piuttosto costante, così nelle zone a maggior carica si preferisce fare olio mentre in quelle meno produttive in cui l’oliva è più grossa si ricava quella da mensa. L’annata 2013 per l’olivicoltura siciliana non è stata delle migliori per cui Claudio ha preferito raccogliere precocemente ancora in verde, con minor produzione ma con una qualità migliore. Addirittura il 15 di ottobre la raccolta era già terminata. L’extravergine va nei migliori ristoranti italiani ma specialmente in Polonia che ha addirittura superato gli USA nel fatturato.

La Nocellara del Belice costituisce la varietàpiù diffusa nella valle del fiume omonimo e nei bacini limitrofi nonchè nel corleonese, anche se presente in tutta l’area occidentale dell’isola. E' una delle cultivar che hanno contribuito al successo dell'olio siciliano fuori dall'isola ed ha un fruttato d'oliva tra i più intensi.  Ha drupa grossa, quasi sferica e simmetrica, usata anche da mensa e l'olio ha un profilo sensoriale amaro e piccante con assenza del dolce.

L’unico marchio commercializzato, il Nocellino, all’olfatto rivela i sentori propri del frutto ancora verde manifestando il carciofo, il cardo, poco pomodoro, piante officinali, timo e origano in maggioranza, qualche goccia di limone e un briciolo di mandorla. Equilibrato, sincero ed intenso. Al palato si ripresenta l’oliva verde e si esprime  armoniosamente delicato con un amaro leggero ed un piccante lieve che si sviluppa in ritardo.
 
Ottimo olio dall’uso praticamente universale, dalla cottura al condimento delicato di crudità. Se ne sono ricavati 220 quintali non facilmente reperibili in Italia per cui conviene, anche economicamente, rivolgersi direttamente al produttore. Il prezzo della bottiglia da ½ litro nei negozi specializzati si trova al massimo a 12 euro.

Az. Agr. Genco Claudio
Contrada Canalotto-Favara
via Bresciana km 3,00
91022 Castelvetrano (Tp)
tel. 0924 45288 - 339 5986036
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.agricolagenco.it



 

Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search