Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'olio della settimana il 08 Marzo 2014
di Redazione

Nocellara del Belice.

Gianfranco Tuoro, giovane trentatreenne, appena finita la scuola ha cominciato l’attività di cuoco che lo ha portato anche a fare lo chef in Francia, Inghilterra, a Praga. Era avviato ad una splendida carriera quando un terribile incidente lo costringe alla sedia a rotelle. Nato a Lecce e lì viveva in una casa a più piani che non era affatto adatta alle sue condizioni. La madre è di Castelvetrano e Gianfranco passa lunghi periodi in casa di uno zio, tutta a pianterreno nella splendida campagna non lontano dal mare e dalla archeologia di Selinunte. Gianfranco comunque è pieno di vitalità e di coraggio e date le sue condizioni cerca un’attività a lui compatibile e che nello stesso tempo gli possa dare una gioia e un interesse da portare avanti.
 
Mentre i giovani suoi coetanei fuggono dalla campagna col miraggio del posto fisso o alla ricerca di un lavoro di tutto riposo, lui acquista 3 ettari di uliveto per buona parte di 45 anni e con molti esemplari secolari, tutti della cultivar regina del comprensorio: la Nocellara del Belice. L’uliveto quindi è già produttivo, attrezzato di impianto irriguo da utilizzare in caso di necessità ed ha pure un bel caseggiato però in pessime condizioni che Gianfranco in futuro spera di poter riattare e ristrutturare per turismo rurale. Vive a Castelvetrano quando è necessaria la sua presenza per curare le piante e svolgere le operazioni colturali e produttive. Per circa metà anno invece continua a vivere a Lecco, da dove gli viene più facile commercializzare i suoi prodotti che oltre ai circa 2.000 litri di olio comprendono vari paté e olive condite ed infornate in quanto la Nocellara oltre a dare un ottimo olio è particolarmente adatta ad essere gustata in varie preparazioni.
 
Il suo coraggio e la sua ferrea volontà non gli impediscono di svolgere molte attività campagnole, aiutato dai familiari e finanche di guidare un piccolo trattore che ha adattato alle sue condizioni.

L’oliveto è già in regime di conversione al biologico che dovrebbe essere certificato nel 2016, quindi niente trattamenti chimici e con fitofarmaci nonchè concimazioni col sovescio di favino. Profonda convinzione nel lanciare questa nuova sua azienda verso il successo che capisce deve essere fondato su una qualità senza compromessi.
 
Allora raccolta a mano nei primi di ottobre quando l’oliva è appena invaiata e subito portata in un vicino frantoio con frangitore a martelli, gramolatrice in atmosfera confinata e separatore che lui preferisce utilizzare con l’aggiunta di acqua che mantiene costante la temperatura della pasta e dà un olio più delicato. Stoccaggio senza filtrazione sotto azoto per evitare l’ossidazione.
 
La Nocellara del Belice è una delle cultivar che hanno contribuito al successo dell'olio isolano, costituisce  la varietà più diffusa nella Sicilia occidentale e predominante nel trapanese specialmente nei comuni di Castelvetrano, Campobello di Mazara e Partanna nei quali diventa la prima DOP che prende il suo nome come oliva da mensa, perchè il suo volume, la carnosità e il gusto ne fanno anche una specialità da mangiare. Poichè produce anche un ottimo olio la vediamo come prima attrice nelle tre DOP olearie: Val di Mazara, Valli Trapanesi e Valle del Belice, nata nel 2004. Ha drupa grossa, quasi sferica.

Sciavuru, che nel dialetto siciliano significa profumo, al naso è un olio delicato e discretamente intenso con sentori lievi di carciofo, di mandorla tostata, di erbe aromatiche. Questa sua delicatezza si rivela anche al palato con un gusto di oliva verde, poco amaro ed un piacevole piccantino. Il fruttato è medio. Olio di equilibrio, gentile, è il più delicato di quelli che abbiamo gustato in questa rubrica, ideale per chi non ama il gusto intenso dell’extravergine, ma nello stesso tempo desidera un olio sano, ricco di benefici salutistici.
Dalle analisi risulta un’acidità di 0,17 (max 0,5), perossidi 4,9 (max 12), polifenoli 226

Ideale per cucinare, tanto da essere stato adottato in molti ristoranti di alta gamma, compreso il Duomo di Ragusa dove Ciccio Sultano lo usa spesso affiancandolo alla Tonda Iblea, propria del suo territorio.
Abbinatelo con piatti delicati dove non desiderate che l’olio ne copra il gusto: pesce marinato o al vapore, insalata con radicchio, su una mozzarella di bufala. La bottiglia da ½ litro costa 10 euro e la trovate più facilmente con la vendita diretta.

Sciavuru d’Aliva
via Beati Morti 32
91022 Castelvetrano (Tp)
tel. 328 8713101
www.sciavurudaliva.it




Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search