Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La classifica il 17 Novembre2021

Prosegue la corsa verso il vino migliore del mondo secondo gli esperti della rivista americana Wine Spectator.

Ieri e oggi, gli esperti hanno rivelato le etichette che si trovano dalla posizione numero 8 e fino alla posizione numero 5. Con due vini italiani. All'ottavo posto c'è il Barolo Bricco Boschis 2016 di Cavallotto. L'azienda possiede il 90 per cento della menzione Bricco Boschis, grazie a un oculato acquisto nel 1928 da parte di Giacomo Cavallotto. Il suo Barolo Bricco Boschis proviene da tre parcelle collinari: Colle Sudovest, Punta Marcello e San Giuseppe. La fermentazione in cantina si è evoluta dal legno al cemento alle vasche di acciaio inox, con l'aggiunta di rotofermentatori adatti a una lenta macerazione, 35 giorni nel caso di questo 2016, che ha maturato tre anni in botti da 2.000 a 10.000 litri di rovere di Slavonia.

Ci spostiamo in Francia per la posizione numero 7, con St.-Julien 2018 di Château Léoville Poyferré a Saint-Julien-Beychevelle. La cantina è di proprietà della famiglia Cuvelier dal 1920. Sara Cuvelier è l'attuale generazione a capo della tenuta, subentrando a suo cugino Didier durante la vendemmia 2018. L'enologo Isabelle Davin e il consulente Michel Rolland hanno realizzato questo vino in stile moderno da un blend di Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, tutti invecchiati all'80% in legno nuovo.

Rimaniamo in Francia per la posizione numero 6, precisamente in Borgogna, da Louis Latour. Wine Spectator ha selezionato il vino Corton-Charlemagne 2018. Louis Latour è un importante produttore di questo grand cru Chardonnay. Le viti hanno un'età media di 30 anni. Raccolte a mano, le uve vengono pigiate e fatte fermentare in barrique di rovere francese nuove al 100%. Il vino matura da 8 a 10 mesi prima della svinatura, assemblaggio e imbottigliamento.

Torniamo in Italia per la posizione numero 5, in Toscana, terra di Brunello di Montalcino e sede della cantina Le Chiuse. L'annata, la 2016, è ormai strabiliante. Lo sappiamo. E per gli esperti della rivista americana, il loro Brunello di Montalcino 2016 merita una posizione nell top 10. I vigneti di Le Chiuse erano un tempo la fonte dell'imbottigliamento della riserva Biondi-Santi. Fiorella Biondi Santi ha dato in affitto i vigneti al fratello Franco, fino alla sua morte nel 1986; Simonetta Valiani, la figlia di Fiorella, e suo marito, Nicolò Magnelli, hanno iniziato a produrre vino nel 1992. Il loro figlio enologo Lorenzo si è unito a loro nel 2006. La fermentazione e macerazione per questo 2016 è stata di 23 giorni con lieviti ambientali, e il vino giovane è maturato in botti da 2.000 a 3.000 litri per 38 mesi. E' stato uno dei Brunello più apprezzati dell'annata per i suoi sapori di frutta rossa, finezza e armonia.

LEGGI QUI LE POSIZIONI NUMERO 10 E NUMERO 9 

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

4) Torta stracciatella

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search