Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La classifica il 18 Novembre2021

Poche ore ancora e sapremo qual è il vino migliore del mondo per gli esperti della rivista americana Wine Spectator.

Intanto ci godiamo il podio (seconda e terza posizione) e la quarta poisizione. Cominciamo proprio da questa e andiamo in Spagna a Porrera per la precisione, paese della Tarragona. Nei 24 ettari di vigneti di Merum Priorati, si coltivano principalmente le varietà autoctone, Garnacha e Cariñena in particolare, ma ci sono anche piccoli appezzamenti di Cabernet Sauvignon e Syrah, Il vino scelto da Wine Spectator e il Priorat Destì 2018 che viene invecchiato in botti di rovere francese. Nonostante questo ha un piglio moderno, grazie alle note minerali ed erbe di montagna, oltre ad un frutto vivace che gli danno una perfetta riconoscibilità del territorio.

Terzo posto per un vino della Napa Vally, con il Cabernet Sauvignon Oakville Martha’s Vineyard 2016 di Heitz Martha's Vineyard, uno dei produttori iconici di questa zona della California. Il successo dei suoi vini lo si deve in gran parte all'enologa Brittany Sherwood che è entrata a far parte del gruppo nel 2012. Un approccio lungimirante che le ha permesso di creare vini moderni con un grande rispetto della tradizione. Ha mantenuto, per esempio, l'affinamento dei vini nelle botti di rovere verticali.

A pochi passi dal gradino più alto del podio, torniamo in Francia, a Château Pichon Longueville Lalande con il Pauillac 2018. Il proprietario Frédéric Rouzaud ha assunto Nicolas Glumineau come direttore generale nel 2012 e da allora questa famosa cantina di Bordeaux ha seguito una traiettoria ascendente. Glumineau ha curato un programma di reimpianto, aumentando la percentuale di Cabernet Sauvignon nei vigneti e passando costantemente all'agricoltura biologica e biodinamica. Una ristrutturazione della cantina ha incluso nuovi tini più piccoli per un processo di vinificazione più esigente, parcella per parcella e persino intra-particella. I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

LEGGI QUI LE POSIZIONI 10 E 9 

LEGGI QUI LE POSIZIONI 8, 7, 6 E 5 

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search