Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La curiosità il 12 Aprile 2012
di C.d.G.

Dalla Svezia arriva una buona notizia per la Sicilia e ha il sapore dell'Insolia. 

Ce la dà a caldo il produttore Diego Cusumano che si trova attualmente nel Paese. Ha appena appreso che il suo Insolia è stato selezionato dalla Sas, la Scandinavian Airlines, tra centinaia di vini di tutto il mondo per essere esposto nelle business luonge di Stoccolma, Oslo e Copenaghen. Ad affiancare per quattro mesi l'autoctono siciliano, firmato dalla cantina di Partinico, saranno anche un vino spagnolo e un bianco della Borgogna. Sono solo queste le tre bottiglie a cui è stata riconosciuta una vetrina d'onore.

Per Cusumano un traguardo non solo personale ma anche importante per il territorio Sicilia, proprio alla luce delle dinamiche del mercato del vino che in questi Paesi è regolamentato dal monopolio di Stato. “Sono contento per il buon nome e per l’immagine della Sicilia del vino. Perché non può che fare bene al suo posizionamento come brand. Sono questi i canali dove possiamo penetrare e che possiamo conquistare, per far parlare bene della nostra Isola. Necessari in vista di una strategia che non deve guardare ai volumi ma ad un alto posizionamento. Dobbiamo lavorare su questo e  fare capire che i nostri vini possono essere anche lusso”.

La scelta della Sas dà quindi speranza di crescita ai produttori siciliani, frenati non solo dal monopolio ma anche da un sempre più consolidato consumo di vino in bag in box, che nell’ultimo periodo avrebbe raggiunto quota 75% di quello totale.  “E’ certo una difficoltà per le cantine entrare in questa fascia di mercato – commenta Cusumano -. Per questo bisogna trovare canali alternativi. Lì può esserci un reale margine di crescita, in immagine soprattutto”. 

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search