Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La curiosità il 06 Gennaio 2021
di Giorgio Vaiana

Bevendo un rosso dell’Etna vi può capitare di percepire i profumi e il sapore dell’arancia rossa.

Per carità, non accade solo con i rossi dell’Etna. È una caratteristica comune ad altri vini e ad altri territori. Tuttavia non vi nascondiamo che, durante le degustazioni dei vini per la Guida ai Vini dell’Etna (qui trovate le informazioni principali e qui il modo per acquistarla), quando ci imbattiamo con questo descrittore siamo molto contenti. Generalmente la sensazione di arancia rossa coincide con una certa eleganza e una certa armonia. E poi a noi sembra quasi uno scherzo della natura. Perché le arance rosse crescono e si producono proprio sulla piana di Catania da cui si erge, maestoso, l’Etna.

Insomma, una coincidenza territoriale non da poco. Siamo lì e sembra un tutt’uno tra le arance Moro e Tarocco e i rossi che si producono a poca distanza in un territorio davvero particolare. Ricchissimo di biodiversità e unico per clima e suoli. Ci piace qui segnalare i vini che hanno tra i loro descrittori l'arancia rossa e che vengono raccontati nella nostra Guida ai Vini dell’Etna. Come l’intenso profumo di arancia rossa del Nerello Mascalese 2018 della cantina Camarda. O la sfumatura di arancia rossa nel Doc Etna Rosso Aitna 2016 di Cantine Edomè. L’arancia rossa è identificativo del cru di Cottanera, il Doc Etna Rosso Diciassettesalme, annata 2018. È un tocco delicato quello che trovate bevendo il Radici 2017 del Barone Beneventano della Corte. Arancia rossa tra le note olfattive di un vino Imperdibile come l’Arcurìa 2018 della cantina Calcagno. Come anche nel Reseca 2015 di Gulfi e nel N’Anticchia 2016 dell’enologo Pietro Caciorgna. Arancia rossa ben evidente anche nel Contrada Santo Spirito 464 2016 di Palmento Costanzo. E, ultimo non ultimo, il Doc Etna Rosso 2017 di Masseria Setteporte, un vino fortemente territoriale dove abbiamo annotato l’intensità di questo frutto che tanto caratterizza la Sicilia orientale. Leggete (la nostra guida) e assaggiate. Il piacere è garantito.

F.C.

F.L.


Commenti   

0 #1 Giuseppe 2021-01-06 17:10
Ottimo anche il Nerello Mascalese dell'Azienda Agricola Puglisi di Zafferana Etnea
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

3) Baccalà alla lucana

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search