Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 06 Luglio2021
Un momento della presentazione

di Ambra Cusimano

Le Tenute Orestiadi di Gibellina, in provincia di Trapani, hanno celebrato a Palazzo Sant’Elia di Palermo la 40ª edizione delle Orestiadi di Gibellina.

Durante l’evento, che ha coinvolto esponenti della stampa, imprenditori ed esperti del settore, si è tenuta una masterclass d’anteprima delle nuove annate dei cru dell’azienda: il Bianco di Ludovico 2018, il Rosso di Ludovico 2016 e un’anteprima molto speciale del Metodo Classico Carricante che affinerà sui lieviti per 32 mesi. In seguito alla degustazione, condotta dal delegato Ais Palermo Luigi Salvo e dall’enologo Giovanni Manzo, il direttore artistico del Festival delle Orestiadi Alfio Scuderi ha presentato il programma delle Orestiadi di Gibellina 2021 che si terrà dal 9 luglio al 7 agosto. Conclusasi la presentazione l’evento è proseguito con un aperitivo musicale e la degustazione dei vini, anche etnei, di Tenute Orestiadi.

(I vini degustati)

L’evento ha avuto come comune denominatore il territorio, l’arte e l’agricoltura che si fondono in questo particolare angolo di Sicilia. Le Tenute Orestiadi nascono del 2008 e si trovano a Gibellina, nel cuore della Valle del Belìce, così come la Fondazione Orestiadi che ha lo scopo di salvaguardare il patrimonio culturale ed artistico della stessa città. A questo punto si diviene spettatori del fil rouge tra vino ed arte che collaborano per dare lustro e risalto ad una parte del territorio che ha subìto uno dei più grandi disastri nella storia della Sicilia contemporanea, il terremoto del 1968 che distrusse ben 14 città. Tenute Orestiadi possiede attualmente 120 ettari vitati e produce un milione di bottiglie l’anno. Nel 2018 ha cominciato una collaborazione con La Gelsomina sull’Etna dove sono presenti 15 ettari tra vigneto, uliveto e frutteto. L’azienda ha reso omaggio tramite i suoi vini il Bianco di Ludovico e il Rosso di Ludovico, a Ludovico Corrao ex sindaco di Gibellina. Fu proprio lui, in seguito al terremoto, a dare una spinta propulsiva artistica rendendo oggi Gibellina un museo a cielo aperto e che ha dato vita alle Orestiadi di Gibellina. Sulle etichette dei due vini è rappresentato un cappello a falde larghe che il sindaco usava portare sul capo. Il Metodo Classico Carricante 32 mesi di affinamento sui lieviti proviene da un vitigno presente nel territorio di Gibellina a 600 metri sul livello del mare sopra il “Cretto” di Burri. Per l’occasione è stato sboccato a 24 mesi. Il colore è giallo paglierino carico con un perlage fine e persistente. Essendo ancora molto giovane presenta all’olfatto l’aroma del pan brioche, ma anche di tiglio, glicine, mela verde e cannella. Il gusto è agrumato tendente al lime. Presenta una buona acidità e salinità che lo rendono lungo e tagliente.

(I due vini dedicati all'ex sindaco di Gibellina, Ludovico Corrao)

Il Bianco di Ludovico è un blend di Catarratto e in minima parte Chardonnay. E’ un vino che vuole rappresentare il territorio di origine prediligendo il vitigno autoctono più diffuso della Sicilia, il Catarratto. Il vino si presenta di un bel giallo paglierino ed al naso offre sentori di pesca, susina, agrumi ed erbette aromatiche. Al palato risulta fresco e minerale con una buona acidità.

Il Rosso di Ludovico è un blend tra Nero d’Avola e un po' di Cabernet Sauvignon. E’ un vino che affina 18 mesi in barrique di rovere francese per 18 mesi. Il colore è rubino e al naso si rilevano immediatamente i sentori di piccoli frutti rossi maturi come la mora, l’amarena ed i gelsi; inoltre non mancano le spezie dolci come cannella e liquirizia. Al palato esce fuori la sua struttura complessa che rispecchia il naso. I tannini sono morbidi ed equilibrati.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search