Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 27 Dicembre2021
Patrick Spanti

di Marco Sciarrini

Serata con lo Champagne Jacquart protagonista a Roma.

La Maison francese ha scelto Roma per il lancio dello Champagne Blanc de Blancs 2014, presso il Ristorante Camponeschi in piazza Farnese, non a caso accanto all’Ambasciata di Francia. Erano presenti Walter Gosso, Brand Ambassador Champagne Jacquart e Gabriele Rondani, Direttore Marketing “Rinaldi 1957” per suggellare una nuova collaborazione tra la famiglia Arcioni e Champagne Jacquart. Per la maison francese di Reims era presente Patrick Spanti, Direttore Export del Gruppo, che ha guidato la serata. Champagne Jacquart nasce nel 1964 dall’unione di tre di viticoltori indipendenti ed è oggi una delle realtà più estese della Champagne, con 2.400 ettari di vigneti distribuiti all’interno di quattro zone, dalla Montagne de Reims alla Vallée de la Marne, dalla Côte des Blanc alla Côte des Bar. "La Maison esprime attraverso il patrimonio d’eccellenza e la diversità delle diverse zone della Champagne proprio grazie alla possibilità che ho di scegliere fra tanti cru - spiega Patrick Spanti - e mantenere una costanza di stile è il mio compito: uno stile contemporaneo, che gioca con la mineralità e, soprattutto, con la freschezza dello Chardonnay, perché il pinot noir rappresenta la tradizione. D’altra parte, la Maison è molto giovane, non è un’azienda che ha sulle spalle il peso della storia e questo le consente di sperimentare. Per gli affinamenti utilizziamo solo acciaio, per un gusto pulito e fresco. Vinifichiamo separatamente 150 vini e li affiniamo separatamente e tutti svolgono la fermentazione malolattica”. Piacevolezza immediata, stile fresco, leggerezza, non troppa struttura e una coerenza aromatica-gustativa: questo è l’obiettivo. La sede della Jacquart si trova a Reims, in un palazzo storico recentemente restaurato di boulevard Lundy, indirizzo prestigioso di molti dei più rinomati produttori di Champagne.

La serata con gli abbinamenti ai piatti dello chef del ristorante Camponeschi, ha visto degustare:

Brut Mosaïque
È un assemblaggio con Chardonnay 40%, che conferisce alla cuvée aromi freschi e raffinati, il Pinot Noir 35% che fornisce l’ossatura a questo vino, mentre il Pinot Meunier 25% procura il fruttato, compresi dal 25% al 35% di vini di riserva, dosaggio 9 grammi/litro. Tre anni di maturazione sui lieviti. La presenza di un 20% di vini di riserva apporta la regolarità; un tempo di invecchiamento di oltre 3 anni, unito a un dosaggio leggero, dà come risultato un vino complesso e armonico. Colore pallido, dai riflessi oro bianco, bollicine sottili e numerose, al naso aromi di frutta fresca mandorla, fico, pera e di fiori d’arancio, alcune sensazioni di panificazione e di miele, al palato sorso fresco e morbido, con finale fruttato e persistente.

Blanc des Blancs Millésimé 2014
E’ la novità della serata. Ha un dosaggio zuccherino equilibrato di 6 grammi/litro e affina per 5 anni sui lieviti. La sua capacità di invecchiamento consigliata dopo la sboccatura va dai 5 ai 10 anni. Colore brillante di giallo limone, perlage fine e bollicine numerosissime, al naso grande complessità che con il passare dei minuti si alternano sensazioni gessose e balsamiche di iodio, note di liquirizia e frutta in guscio, aromi di acacia, e di verbena ma anche di frutta bianca come mela e pera. Al palato il sorso è pieno con morbidezza cremosa e bella freschezza, grande finezza di beva con un lungo e persistente finale dove tornano le note fruttate ed alcuni ricordi minerali di gesso.

Signature 5 anni
La cuvée è costituita da una speciale selezione di Brut Mosaïque. Sono stati scelti Chardonnay Grand Cru per il 40%, con l’aggiunta di un 40% di Pinot Noir e di alcuni Pinot Meunier Premier e Grand Cru. I vini di riserva, 25-35%, sono composti esclusivamente di uve Chardonnay e Pinot dotate di grande finezza e integrità. La sboccatura si completa con un dosaggio leggero di 7 grammi/litro. Matura cinque anni sui lieviti. Colore pallido, dai riflessi oro con bollicine sottili ed intense, al naso aromi di pasticceria, nocciola, caramello, miele; seguono note fruttate albicocca, pesca, limone e mandarino e quelle classiche che il pinot nero dona come ribes e melograno. Al palato sorso pieno e fresco, con le note fruttate succose di limone e pompelmo su tutte, grande freschezza sapida che si protrae per un lungo finale.
Cuvée Alpha 2010

Cuvée Prestige Millesimata
Prodotta solo il 2005, 2006, 2010. 40 % Pinot Noir, 60% Chardonnay. Sette anni sui lieviti. Dosaggio: 5 grammi/litro. Colore luminoso, brillante, un’autentica esplosione di luce, al naso complesso di grande finezza floreale di fiori di acacia e di agrume, sensazioni fruttate con ciliegia e mela rossa e miele e ricordi lievitati e di frutta secca al palato effervescenza cremosa, con sorso morbido e fresco, tornano le sensazioni fruttate mentre la mineralità gessosa rende elegante il sorso e lo accompagna ad un lungo e persistente finale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search