Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 09 Aprile2013

“Vitigni italiani insoliti” dal libro Wine Grapes a cura di Jancis Robinson, Julia Harding e José Vouillamoz.

Un  approfondimento sui alcuni vitigni italiani presentata dallo stesso Vouillamoz stamattina  nell’ambito di un incontro organizzato durante il Vinitaly. Un lavoro durato quattro anni con risultati molto interessanti che riguardano in primis il nostro Paese.  Su una ricerca fatta su 42 Paesi, è l'Italia che registra il numero maggiore di vitigni autoctoni, per un totale di 377 varietali. Seguono Francia e Spagna. "È stato interessante - spiega Vouillamoz - scoprire quante  diverse varietà ci sono in Italia. Dal Piemonte che è la regione  più densa di autoctoni, all' Emilia Romagna e alla Campania, che lo seguono per numero. Ho inoltre lasciato una sfida chiedendo ai follower di Wine Grapes di indicare altri vitigni che non erano stati recensiti nella nostra guida. Il risultato ha portato alla scoperta di altri due vitigni: Agostinella e Giacchè, il primo della zona di Benevento, il secondo laziale, per un totale di 379. È chissà che non si possa arrivare a 400."


Da sinistra José Vouillamoz, Cristina Garretta, Gianluca Bisol, Emilio Bulfon, Attilio Contini

Così Vouillamoz ha proseguito con il racconto di 6  vini provenienti da autoctoni.  In particolare  Il Blanc de Morgex et la Salle Dop 2012, dal vitigno Prié, della Maison Albert Vevey, in Valle d'Aosta, un vino che ci colpisce immediatamente per le note minerali, di pietra focaia, a anche sentori erbacei, e note d agrumi che completano lo spettro olfattivo di questo vino, che al palato si traduce in una sapidità che dona al vino una freschezza vibrante. La Venissa 2011, della Tenuta di Venissa in Veneto, proveniente dalla Dorona di Venezia  di produzione della famiglia Bisol che ha recuperato quetso vitigno e un'antica tenuta, nell'isola di Mazzorbo, dove viene coltivato questo varietale. La sua origine deriva dalla Malvasia bianca e dal Garganega. Gli aromi sono riconducibili al tiglio, ma spiccano anche note di noce. Proseguiamo con  il Ros di Sanzuàn annata 2012, dal vitigno friulano Cordenossa di produzione di  Emilio Bulfon. La caratteristica che subito emerge è quella della dolcezza. Nel complesso è  fruttato con aromi  di mirtilli che pervadono il palato. Si passa al Monferrato Rosso DOC 2008, un Uvalino, autoctono piemontese, un vino immediato, che potremmo definire per sentori e sapori, quasi rustico. È proprio a una facile beva, la sua acidità gli donano carattere e struttura.

Dal Piemonte alla Sargegna, la degustazione assume toni più colorati con il Nieddera Rosso Valle del Tirso Igt 2010, di Attilio Contini. Una varietà interessante che potrebbe rappresentare anche un'ottima base per i rosati, in quanto presenta un tannino per nulla aggressivo, ma al contrario morbido e bilanciato. L'idea di una Sardegna in un sorso. Completa la gamma il Rabboso del Piave, Gelsaia Piave Malanotte Docg 2009, dell'azienda Cecchetto in Veneto. Un vino particolare, che è caratterizzato da tannini pungenti, con note di cioccolato e retrogusto leggermente amarognolo.Nel complesso è bilanciato e risulta piacevole.
Un incontro molto interessante che traduce il pensiero slogan di Wine Grapes: "Wine Grapes: save them, drink them" ovvero che l'unico modo per tutelare queste varietà è quello di produrle e consumarle.

Maria Antonietta Pioppo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search