Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 22 Febbraio 2020
di Fabrizio Carrera

di Federico Latteri, Montalcino (Si)

Alla fine eccolo il Brunello di Montalcino 2015 che si è svelato in tuttala sua ricchezza di aromi e sapori. 

L'anteprima, in corso a Montalcino fino al 24 febbraio, è organizzata dal consorzio del grande Rosso toscano icona del made in Italy nel mondo. Quasi 50 i campioni degustati da una commissione di 40 esperti tra enologi e tecnici da tutta Italia, per un responso che non lascia spazio ai dubbi: l’annata 2015, che già dopo la vendemmia si era aggiudicata 5 stelle per l’ottimo andamento stagionale, è un successo anche nel calice e sarà in grado di stupire sempre di più nel corso del tempo. Dal punto di vista organolettico colpiscono soprattutto la struttura tannica, morbida e in perfetto equilibrio con la freschezza, arricchita da sentori caratteristici di frutta rossa matura, sia all’olfatto che al gusto, chiusi da un finale lungo ed elegante. Un Brunello che sarà in grado di affrontare l’invecchiamento, dando grandi risultati anche a distanza di decenni. Ottima anche la produzione con circa 10,5 milioni di bottiglie attese. Questo il frutto di una stagione particolarmente favorevole, iniziata con un inverno scarsamente piovoso e proseguita con temperature sostanzialmente nella media e piogge contenute, che hanno portato le piante in ottimo equilibrio vegetativo fino all’estate, senza l’insorgere di criticità dal punto di vista fitosanitario.

I NOSTRI ASSAGGI

Argiano – Vigna del Suolo
E' ampio, intenso e complesso all'olfatto. Segue un sorso robusto, armonico, con tannini fitti e ben integrati, una punta sapida e notevole lunghezza.

Baricci
E' nitido, pulito, teso, freschissimo, sapido e leggermente balsamico nel finale. Stile lineare, fatto di classicità e territorio, che esprime tanta sostanza in maniera elegante, rivelando più energia che ricchezza estrattiva. Un vino imperdibile da tenere in cantina e seguire negli anni.

Canalicchio di Sopra – La Casaccia
Fine e freschissimo, riesce a coniugare potenza e forza tannica con una suadente piacevolezza. Ottimo il potenziale evolutivo.

Capanna
E' materico, strutturato, incisivo, equilibrato, sapido in chiusura e molto lungo. Tannini compatti e vellutati. Tradizionale.

Donatella Cinelli Colombini – Prime Donne
Profondo al naso e intenso al palato, è denso e si caratterizza per l'ottimo bilanciamento tra acidità e tannini. Potenza ben controllata.

Giodo
E' ampio e preciso all'olfatto con un bouquet impreziosito da sentori di arancia sanguinella che diventano ancora più evidenti in bocca, dove riscontriamo un gusto intenso e tannini fitti e levigati. Davvero ottimo.

Il Marroneto – Madonna delle Grazie
E' energia pura: elegante, giovane, vibrante e lunghissimo. Ha tutte le carte in regola per una lunghissima evoluzione. Un vino totale, un fuoriclasse, sicuramente uno dei riferimenti per la denominazione.

Le Gode – Vigna Montosoli
Offre un naso complesso con un frutto scuro, note di corteccia, sottobosco e humus. Al palato è fresco, disteso e presenta ottima intensità gustativa, tannini ben amalgamati e notevole persistenza.

Le Ragnaie – Fornace
E' elegante, leggermente austero e profondo all'olfatto. Il sorso è agile e dinamico, mostrando un profilo basato più sulla verticalità che sulla potenza. Grande Brunello. Ottimi anche il Vecchie Vigne, più potente e concentrato e il Casanovina Montosoli, articolato e completo.

Poggio di Sotto
Classico, sobrio ed elegante, ha un fascino particolare fatto di variegate sensazioni olfattive, tattili e gustative che riescono a creare una progressione piacevole e intrigante.

Salvioni La Cerbaiola
Si distingue per naso e palato giocati su toni misurati, sobri. Grande personalità e un gusto tradizionale per un vino da provare assolutamente. Terroir e carattere.

Santa Giulia
Fresco, teso, dinamico, snello e molto lungo, è un Brunello ben fatto che sarà apprezzato soprattutto per la sua agilità e la bevibilità non comune per un vino di questa struttura.

Segnaliamo anche altri Brunello di Montalcino 2015 che ci sono piaciuti: Castello Romitorio – Filo di Seta, Col d'Orcia, Gianni Brunelli Le Chiuse di Sotto, Il Poggione, La Lecciaia, La Rasina – Persante, Pietroso, Tenuta Le Potazzine, Uccelliera.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search