Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 07 Aprile2017


(Alessio Canepa e Andrea Delpiano)

Dopo essere stati i primi a dare la notizia dell’acquisto di una tenuta sull’Etna da parte di Davide Rosso, importante produttore di Barolo, titolare dell’azienda Giovanni Rosso di Serralunga D’Alba (leggi qui), in occasione di Contrade dell’Etna 2017 abbiamo degustato in anteprima i suoi vini della vendemmia 2016. 

C’era grande attesa e curiosità per l’assaggio dei campioni della prima vinificazione sul Vulcano di un’azienda che produce grandi vini in una delle denominazioni più prestigiose d’Italia e del mondo. La tenuta etnea si estende per circa 14 ettari ad un’altitudine media di 700 metri in contrada Montedolce a Solicchiata, frazione di Castiglione di Sicilia. La superficie vitata è di 6,5 ettari di cui poco più di 5 sono coltivati con varietà a bacca rossa, quasi esclusivamente Nerello Mascalese e 1,2 con uve bianche, Carricante più una piccolissima quantità di altri vitigni autoctoni. Due i vini prodotti e da noi degustati, un bianco e un rosso.

L’Etna bianco Montedolce 2016, da poco messo in bottiglia, viene affinato in acciaio sulle fecce fini per 5 mesi. E’ elegante e molto pulito al naso con profumi di impronta vegetale, tipica espressione giovanile della varietà e note fruttate che tra un po’ di tempo acquisteranno maggiore complessità ed intensità. In bocca è fresco, incisivo e sapido. Notevole la progressione e la lunghezza. Molto buono. L’Etna rosso Montedolce 2016 è un campione di vasca che ancora deve iniziare la maturazione in legno. Anche in questo caso sono evidenti pulizia ed eleganza. E’ presente un nitido sentore di arancia rossa, vero e proprio tratto distintivo di questo vino. Offre un sorso ricco di energia, con tannini molto ben estratti e ottima persistenza. Lo seguiremo nel tempo, ha interessanti prospettive. Il numero di bottiglie prodotte è di 6 mila per il bianco e si pensa di arrivare a 25 mila per il rosso. 

Federico Latteri

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search