Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 14 Novembre2018


(Gaetana Jacono)

di Michele Pizzillo, Milano

“E’ il vino che da anni sognavo di fare, anche per dare maggiore visibilità al Cerasuolo di Vittoria di cui sono orgogliosa di esserne ambasciatrice nel mondo”. 

Così Gaetana Jacono, sesta generazione di viticoltori che con l’azienda Valle dell’Acate nel ragusano hanno contribuito alla crescita dell’attività vitivinicola della Sicilia, presenta “Iri da iri Cerasuolo di Vittoria Docg classico 2013” che, degustandolo, dimostra di essere ancora in evoluzione perché è un vino destinato ad invecchiare molto di più del tradizionale Cerasuolo. Tant’è che la “creatura” tanto desiderata dalla raffinata signora del Cerasuolo, che si divide tra la Sicilia e Milano quando non è in giro per il mondo, e che è stata creata e seguita con amore dall’enologo piemontese Carlo Casavecchia, rappresenterà sicuramente una sorta di rivoluzione per la denominazione “Cerasuolo di Vittoria”. E, per questo ottimo vino che “Vitae”, la guida dei vini dell’Ais, ha assegnato il massimo del punteggio, i quattro tralci aggiunge anche la freccia che identifica i vini Cupido perché caratterizzati da un intenso valore emozionale tanto che in degustazione suscitano amore al primo sorso, la signora Jacono è stata illuminata da un verso della “Divina Commedia” per “l’emozione che mi ha dato già alla prima degustazione-prova che ho fatto con Carlo; mi ha così emozionata che iri da iri è veramente il nome giusto”. Se fosse fra noi, anche Dante ne sarebbe stato contento, ha detto sottovoce uno degli invitati alla degustazione-presentazione del vino che si è tenuta nello storico Palazzo Serbelloni, dove nacque l’Illuminismo milanese per iniziativa di letterati come Giuseppe Parini e Pietro Verri.

Con questo vino probabilmente è partito, nel 2013, il progetto “7 terre per 7 vini”, frutto dell’importante lavoro di studio e sperimentazione sulla terra condotto negli ultimi cinquant’anni dall’azienda, consapevole che la storia di ogni vino inizi proprio dalla terra e dal suo grande valore. Per ogni vino è selezionato e identificato il terreno giusto che caratterizza fortemente la vigna e dà al prodotto finale un’espressione unica e particolare. Con “Iri di iri” queste caratteristiche sono più marcate, perché le uve Nero d’Avola e Frappato sono coltivati in due vigneti diversi – i più antichi dell’azienda, con una resa che non supera i 60 quintali per ettaro -, vendemmiate e vinificate separatamente anche perché non maturano nello stesso periodo e, poi, assemblate. Anche l’affinamento è diverso dagli altri vini di Valle dell’Acate. Per “Iri di iri” l’affinamento avviene in tonneaux da 500 litri per 36 mesi e più altri 18 mesi in bottiglia. Risultato? “Il vino che desideravo tanto fare - facciamo ripetere a Gaetana. "Un vino da bere anche dopo otto anni dalla produzione, senza perdere la freschezza che lo caratterizza”, aggiunge Casavecchia che in azienda è entrato proprio il 2013. Sicuramente è così di carattere, ma osservando gli ospiti-degustatori, la signora Gaetana si è accalorata ancora di più nel descrivere i vini di Vittoria, che ritiene il simbolo dell’enologia siciliana; con un trasporto quasi da intimorire i degustatori che non hanno sprecato nemmeno una goccia di vino, tutto bevuto e i “secchi, per una volta, a riposo”.

E, poi, da convinta ambasciatrice dei vini prodotti del territorio compreso tra Acate, Comiso e Vittoria, Gaetana ha calcato molto la mano sulla necessità di lavorare sul Cerasuolo, parlarne di più, attirare flussi turistici oltre che incitare i produttori ad una corsa a fare sempre vini migliori, vellutati, piacevoli, da facile approccio per il consumatore “che dovrebbe essere il marchio che ci deve fare conoscere il tutto il mondo, anche se siamo una doc piccola”. “Peccato che questo angolo di Sicilia non abbia un direttore marketing come l’Etna”, ha detto scherzando l’enologo di Valle dell’Acate.  Adesso, però, c’è il vino “dantesco” che probabilmente rivoluzionerà la viticoltura siciliana, almeno così è stato recepito all’anteprima mondiale organizzata a Milano in un palazzo che nel passato ha ospitato Napoleone, adesso è sede di rappresentanza e location per eventi di portata mondiale.

“Iri di iri”, dopo Milano, farà tappa a New York e a Tokyo, “che sono mercati importanti per la nostra azienda”, dice la signora Jacono che adesso sta guardando con molto interesse ai cosiddetti millennial, tant’è che a Valle dell’Acate hanno pensato ad una linea produttiva di vini freschi, molto gradevoli, che possa capire anche il consumatore che ha poco conoscenza del mondo del vino. I nuovi vini hanno un nome molto simpatico “Bellifolli” e, il primo, è un uvaggio di Grillo e Chardonnay. E’ vero che era una giornata dedicata alla presentazione dei suoi vini. Però, la “Signora del Cerasuolo” non ha dimenticato il suo impegno di forni strumenti musicali ai giovani che vivono in Africa e, alcuni, attraverso la musica, hanno anche avuto opportunità di lavoro. Tant’è che a Valle dell’Acate, proprio questi giovani, suoneranno gli strumenti forniti dall’imprenditrice siciliana (e milanese, anche).

Questi i vini degustati all’anteprima di Iri di iri.

Iri da Iri Cerasuolo di Vittorio docg classico 2013



E’ un vecchio vigneto di terra rosso arancio, ubicato sull’altopiano di Biddine Soprano, a fornire le uve Nero d’Avola (60%) e Frappato (40%) per questo splendido vino rosso ciliegia brillante con sfumature granate caratterizzato da sentori di frutti rossi, ciliegie mature, note speziate, vaniglia, liquirizia e cacao con un piacevolissimo fondo balsamico. In bocca è morbido, pieno, dal tannino a trama fitta ma vellutato, chiusura aromatica complessa, piacevole e persistente. Si è avvertita qualche spigolosità, ma dovuto alla “giovane” età perché questo vino sarà al top fra un paio di anni. D’altronde è un vino che tra tonneaux e bottiglia, affina per quasi 60 mesi. Particolarmente adatto per piatti a base di carni importanti.

Cerasuolo di Vittoria docg classico 2016



La vigna di terra rossa si trova in contrada Bidini del comune di Acate, con circa 5.000 piante per ettaro che producono 67 quintali di uve  Nero d’Avola e Frappato, presenti nel taglio rispettivamente con il 60 e il 40 per cento. Il colore è rosso ciliegia brillante, frutto che poi predomina all’olfatto, insieme a sentori di frutti rossi maturi, vaniglia, liquirizia e cacao. Al palato è un vino morbido, pieno, dal tannino vellutato o meglio molto garbato, persistente e finale tendenzialmente aromatico.  Insomma, è un vino che non delude mai e si va a colpo sicuro quando si decide di abbinarlo ad una infinità di piatti di carne, sia rossa sia bianca, di minestre anche di quelle speziate. 

Il Frappato Vittoria Frappato Sicilia doc 2017

La vigna è di terra nera con ciottoli bianchi e le uve Frappato sono state vendemmiate nella seconda decade di settembre e vinificate in acciaio dove prosegue l’affinamento per 6 mesi, più altri tre mesi in bottiglia. Di colore rosso rubino brillante, si presenta con un profumo fresco sostenuto da sentori di frutti rossi come lamponi e more ma, anche, di fiori di viola e salvia. E’ un vino di grande immediatezza, fresco, con sentori di frutti rossi e boccioli di rosa che assicurano la piacevole vena aromatica, unitamente ad una chiusura asciutta e persistente. E’ un vino talmente trasversale che può essere abbinato a qualsiasi piatto. 

Zagra Grillo Sicilia doc 2017

Terra gialla per questo esempio di vino bianco strutturato che sbanca al mercato di Boston, ol più importante per i frutti di mare e le ostriche in particolare. Il colore è giallo paglierino brillante; complesso il profumo tra fiori bianchi e frutta matura in prevalenza. In bocca è vellutato, fresco, sapido e tutto in perfetto equilibrio con l’acidità consistente ed importante. Otto mesi di affinamento, equamente distribuiti tra acciaio e bottiglia. I frutti di mare e le fritture di pesce e di verdure sono i compagni ideali di questo Grillo autorevole. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search