Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione


(Brieuc Kremer)

di Michele Pizzillo, Milano

Vendemmia memorabile la 2008 in Champagne. E, quindi, un millesimo eccezionale che, a Milano, ha entusiasmato lo stesso Brieuc Kremer, da qualche mese in Italia come amministratore delegato di Vranken Pommery Monopole, maison fondata nel 1976 da Paul-Francois Vranken e secondo produttore di Champagne, durante la presentazione di Gran Cru Royal Millesime 2008. 

“Per degustare un millesimo come questo, bisogna avere la pazienza di aspettare qualche anno. E, ne vale la pena” ha detto Kremer, in un italiano ancora da perfezionare, porgendo ai suoi interlocutori la flute di una delle più grandi annate di Champagne che da Pommery, com’è nello stile della Maison, “nasce solo dai migliori Grand Cru, matura sui lieviti per più di 10 anni e assicura un potenziale di invecchiamento eccezionale”, aggiunge Clément Pierlot, chef de cave della maison. Adesso il Grand Cru Royal Millesime 2008 è alla sua massima espressione, con tutti i suoi componenti che entrano in armonia e con maturità, freschezza e complessità gustativa che si fondono in modo straordinariamente armonioso. Questo grande Champagne è ottenuto da uve Pinot noir e Chardonnay provenienti dai migliori 7 Grand Crus della Cote des Blancs e della Montagne de Reims. Il colore è giallo dorato con un piacevole riflesso verdolino. Si apre con delle note floreali intense a cui seguono nuances fruttate (pesca e albicocca, nonché di frutti rossi tipici del Pinot noir). Elegante, fresco, di bella struttura che insieme alle note di miele d’acacia e frutti gialli rendono il sorso molto appagante che si conclude con sentori di arancia rossa e una bella dolcezza che invoglia al riassaggio. Un vino di lungo invecchiamento e alla grandezza del millesimo aggiunge anche una certa rarità perché la produzione è, purtroppo, limitata. E, quindi, un motivo in più per degustarlo con portate e in occasioni importanti come possono essere, per esempio,  le festività natalizie che comprendono anche l’augurio per il nuovo anno. 

Nel corso dell’incontro milanese, nella sede della Maison Vranken Pommery Monopole, quasi attaccata ad una grande istituzione come la Biblioteca Ambrosiana, nella centralissima Piazza Pio XI, monsier Kremer, affiancato da Elena Garavaglia, chief financial officer Vranken Pomery Italia, ha presentato anche Brut Apanage blanc de Blancs, ottenuto da una selezione di 17 Grands Crus di Chardonnay delle zone più vocate della Cote des Blancs (70%) e della Montagne de Reims (30%). La maturazione sui lieviti di questo Champagne riservato all’alta gastronomia, è di 45 mesi e, alla degustazione evidenzia un perlage fine e persistente che introduce una bellissima complessità olfattiva tra frutta (prevalentemente agrumi e nocciola tostata) e note di fiori bianchi. E’ un vino elegantissimo, di grande struttura e al tempo stesso supportato da un’eccellente freschezza. In più, aggiunge una incredibile versatilità negli abbinamenti visto che va bene con innumerevoli preparazioni a base di pesce. 

Per il giovane amministratore delegato del gruppo francese, è stata anche l’occasione per proporre una sorta di bilancio di fine anno di Vranken Pommery Monopole che alla conferma della seconda posizione fra i produttori di Champagne e il primato di essere leader nella tipologia rosé, aggiunge un medagliere 2019 veramente ricco di riconoscimenti avuti sia sulle guide di settore, sia nei concorsi internazionali. Sintetizzando pure la storia di Pommery, maison creata nel 1836 a Reims e che nel 1874, grazie all’intuizione di Madame Louise Pommery, il mondo conobbe il primo brut millesimato di Champagne, rivoluzionando lo stile del vino più celebre del mondo. Maison Pommery è diventata proprietà del gruppo Vranken, fondato nel 1976, nel 2002, mettendo insieme quello che viene definito il più grandi “Vigneto d’Europa”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

2) Carbonara di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search