Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 14 Luglio2021
Alberto, Carla e Nadia Zenato

di Michele Pizzillo

Presentare le nuove annate è una scelta normale per un’azienda vinicola.

Però il 2020 è stato un anno tremendo e molto complicato, decidere di comunicare a clienti ed appassionati di ottimi vini novità molto interessanti, riteniamo che sia una notizia da commentare. Primo, perché le difficoltà attanagliano ancora il settore dell’horeca che anche dove si sta riprendendo bene, deve comunque fare i conti con mesi di chiusura totale. E, quindi, è un settore che deve recuperare molto per incominciare a far di conto per vedere se i conti, appunto, comincino a quadrare. Stesso discorso per il mondo del vino, specialmente per quelle aziende che si muovono quasi esclusivamente nel settore dell’horeca. Così la presentazione delle ultime vendemmie è, prima di tutto, un atto di fiducia e, secondo quanto confida Nadia Zenato - il volto più presente di una delle bellissime aziende che producono i grandi vini veronesi e gli ottimi Lugana che stanno conquistando sempre più consensi in Italia e all’estero – siamo caricati dall’entusiasmo della gente di ritornare nei ristoranti, alla convivialità che assicura il vino nonché dalla sensazione di una ripresa immediata del settore horeca.

Immaginare un altro anno senza eventi, sprovvisto di qualsiasi forma di promozione, non poter festeggiare ricorrenze che meriterebbero di essere enfatizzate è, leggiamo sul volto della giovane Zenato, davvero deprimente. E, rammenta: "Lo scorso anno abbiamo organizzato incontri virtuali con i nostri clienti nel mondo. In particolare abbiamo festeggiato con un "party virtuale" i 40 anni di sodalizio con il nostro importatore americano, la Winebow. Abbiamo invitato i regional manager con i loro team a partecipare ad un concorso, scrivendo una poesia per "celebrare" l’Amarone e abbiamo organizzato una degustazione on-line di 5 vini con l’importatore e tutti gli agenti americani. Oltre 70 persone collegate da tutte le parti d’America. Un evento simpatico, senz’altro. Ma avremmo preferito farlo in presenza, socializzare con questi signori con un calice di ottimo vino, che loro amano davvero tanto. Di questo, unitamente all’impossibilità di visitare i clienti, di accogliere gli appassionati di vino in azienda, abbiamo sentito la mancanza durante il terribile 2020”.

Le visite, però, sono iniziate alla grande. Nei centri che si affacciano sul Lago di Garda c’è già una massiccia presenza di turistici tedeschi e, molti, hanno già prenotato visite nella cantina di Zenato a Peschiera del Garda (come pure in altre cantine che producono Lugana), pensiamo di fare cosa utile avvertire gli appassionati di questi grandi vini di darsi da fare ad approvvigionarsi perché, ritardando, rischiano di restare a secco. Oltretutto sono tre vini davvero unici. E, cioè, il Lugana Santa Cristina che nasce dalle vigne storiche del “Podere Massoni”; il Lugana riserva Sergio Zenato, la bandiera più alta della nostra produzione di bianchi di cui Nadia e Alberto Zenato, unitamente alla mamma Carla, ne sono orgogliosi perché Sergio è stato il primo ad intuire le potenzialità del Trebbiano di Lugana e del Turbiana e, quindi, ad impegnarsi nella loro valorizzazione e la riserva a lui dedicato è una conferma nella capacità di sapersi evolvere ed esprimere al massimo nella sfida con il tempo; infine il Lugana metodo classico brut – vendemmia 2017 con sboccatura a novembre 2020 - che nasce dal desiderio di confrontarsi con il panorama delle bollicine. Queste le tre novità di Lugana che per i fratelli Zenato rappresentano la volontà di ritornare alla convivialità di una volta, all’entusiasmo di assaporare i grandi piatti che sanno proporre i migliori ristoranti del mondo.

Lugana Santa Cristina Doc 2020

100% di uva Trebbiano di Lugana selezionate nello storico Podere Massoni di propria proprietà nel comune di Peschiera del Garda. La vendemmia è avvenuta a fine settembre, con fermentazione di 20 giorni in serbatoi di acciaio inox a temperatura controllata e affinamento di 4-5 mesi sempre in acciaio più 2-3 mesi in bottiglia prima della vendita. Il colore di questo ottimo vino è giallo paglierino con riflessi verdognoli. Il profumo intenso di fiori di campo, agrumi e frutta bianca matura. Sapore minerale, equilibrato, morbido, delicato e riproposizioni di molti sentori avvertiti al naso. Tutte caratteristiche che ne fanno un vino che va bene bene come aperitivo, ottimo con le carni bianche ed eccezionale con il pesce di lago o meglio, con tutti i piatti di mare.

Lugana riserva Sergio Zenato Doc 2018

La vigna eletta è sempre l’antico Podere Massoni dove le uve vengono raccolte con un po’ di ritardo – questa vendemmia è di metà ottobre – per assicurare un vino di grande struttura e di particolare longevità grazie anche alla fermentazione che avviene in botti di rovere da 50 ettolitri e tonneaux da 300 litri con un affinamento di alcuni mesi in acciaio e di altri 16 mesi in bottiglia. Il colore di questo ottimo vino è oro chiaro con riflessi brillanti. Profumo intenso tra sentori floreali, agrumate, di frutta esotica e una piacevole nota speziata. Vino di grande spessore, sapore pieno, minerale e molto equilibrato e una bella capacità ad invecchiare. Va bene con tutti i primi piatti importanti, i risotti, e quelli a base di pesce.

Lugana Metodo classico brut Doc 2017

Le uve Trebbiano di Lugana arrivano dalle vigne di Peschiera e di Desenzano impiantate 40 anni fa. La fermentazione avviene grazie ai lieviti presenti sull’uva, in recipienti d’acciaio sino al momento della presa della spuma. Il vino riposa per 24 mesi prima che le bottiglie vengono posizionate sulle pupitres e illimpidite tramite remuage e successiva sboccatura. E’ un vino che nel calice si presenta con un bel colore giallo paglierino intenso con riflessi dorati, spuma cremosa e perlage elegante e persistente. Profumo intenso e avvolgente di fiori bianchi, note di pera e mela e sfumatura di pesca e agrumi. In bocca è avvolgente, brioso, delicato, con un setosa vena acida, una bella freschezza ed estrema pulizia. Ottimo come aperitivo e da tutto pasto.

Zenato
Via San Benedetto 8 – località S. Benedetto di Lugana
Peschiera del Garda (Vr)
T. 045 7550300
www.zenato.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search