Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La fiera il 02 Marzo 2012
di C.d.G.

 
Vito Amendolara

Territorio. Questa la veste che indosserà la Campania che partecipa al Vinitaly 2012.

Una formula che già da tempo sta facendo raggiungere ai produttori, grandi e piccoli, importanti traguardi produttivi e qualitativi. E' la carta con la quale la Campania del vino va alla riscossa e che le sta facendo guadagnare terreno nei confronti delle grandi aree viticole del Paese. Escalation che affronta con la tempra di una realtà emergente ma con una tradizione millenaria alle spalle.  

Il vino in questa corsa dei produttori non è un elemento solitario, ma è ritornato ad acquisire il significato che aveva un tempo, fulcro del luogo in cui nasce. Così oggi la Campania comunica in modo corale, più di altri, il vino parte trainante di un sistema dal quale non può prescindere. 

Lo spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Vito Amendolara. “La Campania è una delle regioni che sta avendo maggiore successo presso i consumatori italiani e del resto del mondo. Questo ci porta ad affrontare la nuova edizione con spirito positivo. Più che positivo. Quest’anno ritorniamo a Verona con la stessa immagine dell’anno scorso. Porteremo la statua di Apollo custodita a Pompei. Rappresenta l’immagine del territorio della Campania e voglio reiterare la motivazione per cui abbiamo riproposto la stessa immagine, convinto che il vino si leghi in maniera indissolubile col territorio, rappresenta ciò che gli da forza, valore e qualità, non solo per il pregio dei vitigni quanto proprio per la passione che lega l’uomo a quel territorio”.

Il programma di incontri e degustazioni che porta la Camapania a Veronafiere presenta proprio una nuova evoluzione del comparto vinicolo, dalle bollicine ai formaggi innovativi. Protagoniste saranno anche le donne del vino campane. Ma il tema centrale rimane il territorio espresso attraverso i vitigni autoctoni. 

"Abbiamo pensato di puntare sui vitigni aiutonctoni  - riferisce sempre l'assessore - perché punto di snodo oggi per essere competitivi nei marcati nazionali e internazionali. Non solo per la qualità ma pensiamo possano essere apprezzati proprio i legami forti che porta dentro il nostro vino. Questo anche nell'ottica dello sviluppo turistico delle nostre aree viticole. Ci aspettiamo infatti una presenza piu marcata non solo dei buyer ma anche una forte domanda da parte del comparto turistico e da parte degli enoturisti". 

Sotto i riflettori del padiglione Campania un ruolo importante  lo giocheranno le Strade del Vino, su cui la Regione sta investendo. Tra queste la Strada del Sannio, a cui verrà dedicata una presentazione. 

 "L'Agricoltura la pensiamo nella prospettiva della sussidiarietà per  tutti gli altri settori. In Campania come in Sicilia l'agricoltura si porta dietro la cultura e il turismo. Le strade del vino sono il veicolo e lo strumento attraverso cui si incanala tutto questo. La Regione sta investendo parecchio affinché le strade operino nella misura in cui riescono ad offrire al turista un territorio di accoglienza d'eccellenza, altrimenti non hanno motivo di esistere. Sono un veicolo  a supporto non solo del vino, sono principalmente la testa di ponte per trascinare verso uno sviluppo le altre risorse del territorio", ribadisce ancora Amendolara.
 

M.L.


Ecco il programma del Vinitaly stilato dalla Regione Campania:


 Sala A Sala B
DOMENICA 25 MARZO
   12.00Presentazione guida Strada del vino Sannio
11.30 - 13.30  13.00Presentazione NOVOROD
Degustazione formaggi innovativi e vini

 
14.30 - 16.00CCIAA Avellino
Presentazione Consorzio
14.30 - 16.00Le Donne del Vino
Degustazione a cura AIS Campania
 
LUNEDì 26 MARZO
 Enoteca provinciale Salerno10.30 - 12.00Anteprima Falerno
 
12.30 - 14.00CCIAA Avellino
degustazione
12.30 - 13.30CONFERENZA STAMPA
PRESENTAZIONE VINITALY  '12
14.30- 16.00CCIAA Caserta
degustazione
13.30 - 14.30 
  14.30- 16.00Unioncamere Campania:
prof. Scienza - Spumanti
MARTEDI' 27 marzo
10.30 - 12.00CCIAA Benevento
Consorzio SAMNIUM
10.30 - 12.00CCIAA Napoli
degustazione
12.30 - 14.00CCIAA Avellino
degustazione
12.30 - 14.00Regione Campania:
Presentazione FIANO: prof. Moio
Degustazione a cura AIS Campania
 
14.30 - 16.00CCIAA Caserta
degustazione
14.30 - 16.00Regione Campania
Presentazione vini campani a  Buyers internazionali a cura AIS Campania
 
MERCOLEDI' 28 marzo
 
 
   
 
 
   
 
 
   

LUNEDì 26 MARZO DEGUSTAZIONE PRODOTTI REGIONALI - Piano terra

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search