Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La manifestazione il 04 Settembre2018

A Camogli dal 6 al 9 settembre


(ph Daniela Minuti)

di Michele Pizzillo

“Visioni”. E’ il tema della quinta edizione del Festival della Comunicazione, diretto da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer, in programma a Camogli in provincia di Genova da giovedì 6 a domenica 9 settembre.

 “Visioni”, ovviamente, porta avanti l’eredità di Umberto Eco, ideatore e padrino della manifestazione (che come ci confidava Singer, dopo la scomparsa del grande intellettuale, fu concepita nel Caffè Sforzesco di via Dante, a Milano, ritrovo di Eco), il cui pensiero da forma ad ogni edizione ad un meraviglioso sistema di segni da interpretare secondo diverse prospettive, sensibilità, punti di vista, combinando serietà e ironia, particolare e universale. E proprio al grande maestro e semiologo, il festival dedica nella sua giornata d’apertura lo speciale evento “Musica e parole. Un ricordo di Umberto Eco”. Dell’ingegno multiforme di Eco si è ricordato molto ma non tutto: il serissimo studioso di San Tommaso, oltre che semiologo, anche romanziere e bibliofilo, faceva posto nella sua sterminata memoria alla più completa raccolta di barzellette del secolo. Ci raccontano il suo precoce umorismo due amici di infanzia e di gioventù e di tutta la vita, Gianni Coscia e Furio Colombo. I suoi allievi e poi colleghi, Valentina Pisanty e Riccardo Fedriga, ricordano qualcuna delle sue infinite battute di spirito. I vecchi amici Paolo Fabbri, Maurizio Ferraris e Marco Santambrogio, descrivono i momenti più impensati in cui hanno visto Eco ridere e giocare con le parole. 


(Davide Oldani)

Non sappiamo nulla dei gusti enogastronomici del grande semiologo. Però, il secondo giorno del festival, lo chef Davide Oldani e il giornalista Pierluigi Pardo, sopperiranno a questa carenza con tante buone ricette, consigli a tavola e conoscenza dei prodotti del territorio, nell’incontro “mangia come parli”. Il duo Oldani-Pardo, regalerà agli ospiti le loro personali visioni di vita e cucina, che richiama il programma radiofonico in onda su Radio 24 dedicato alla cultura del cibo a cui questa strana coppia ha dato vita. Lo chef stellato e il giornalista sportivo sono tra gli oltre 100 ospiti  presenti a Camogli per l’appuntamento annuale tra i più attesi in Italia che attira migliaia di appassionati partecipanti, dedicato a comunicazione, futuro e innovazione, che torna con un tema di assoluta centralità, Visioni appunto, che è anche il titolo dalla lectio magistralis dell’architetto e senatore a vita Renzo Piano, in apertura della manifestazione. Sul tema Visioni si affronteranno e confronteranno oltre 100 ospiti tra i più prestigiosi rappresentanti della cultura, dell’economia, della scienza, dello spettacolo, dell’innovazione tecnologica dell’Italia e del mondo, e gli amministratori di alcune delle maggiori aziende nazionali e internazionali (ci sarà pure Oscar Farinetti).


(Renzo Piano)

"«Visione è narrazione, sogno, fantasia, talvolta illusione ed inganno - spiegano Bonsignorio e Singer - È interpretazione del reale secondo la nostra peculiare sensibilità percettiva, le nostre coordinate storico-culturali e la nostra genialità. È la capacità di scorgere l’inedito, di vedere oltre il piano materiale e immaginare situazioni possibili e realizzabili. È il risultato di uno sguardo al contempo particolare e d’insieme, che a partire dal contesto attuale disegna nuovi scenari, apre nuove strade e mette in moto il cambiamento. Le grandi innovazioni della storia e le scoperte della scienza derivano da menti visionarie che, spostando l’orizzonte delle capacità presenti, fissano nuovi traguardi. L’arte, la scrittura e la musica, spesso contaminandosi a vicenda, ci mostrano in atto universi possibili, alternativi e complementari e arricchiscono così le visioni del presente, perché possiamo immaginare futuri diversi. E, così, nei quattro giorni del festival, le visioni potrebbero anche non contarsi, visto il parterre di partecipanti e l’originalità dei temi che saranno approfonditi nelle decide di conferenze, dialoghi, interviste, spettacoli, laboratori, programmati per l’edizione 2018.

E, tralasciando, il mondo della letteratura, della filosofia, della storia, della semiotica e dell’antropologia; quella della scienza, della tecnologia, della psicologia e della psichiatria; il mondo della musica, del teatro, del cinema, della moda; quello del giornalismo, dei new media e del digitale; il mondo dell’economia, del diritto e dell’imprenditorialità; passiamo direttamente a quello che riguarda la cucina, con  gli chef Bruno Barbieri e Davide Oldani e lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari. Nonché il quotidiano appuntamento “il buongiorno festival” che si apriranno con gli appuntamenti a colazione con l’autore, per chiacchierare di libri e letteratura davanti al confortevole abbraccio di cappuccino e brioche, seduti al tavolo di un bar affacciato sul mare. O, con la novità di quest’anno, l’appuntamento semi-alcolico con la musica, basato sulle playlist di 139 italiani raccolte dall’economista Severino Salvemini e interpretate dalla fisarmonica di Gianni Coscia.  Insomma, l’appuntamento di Camogli è imperdibile per tutto quello che offre anche con spettacoli e laboratori, molti riservati a bambini e ragazzi, per ampliare le conoscenze di mondi spesso complessi e qualche volta difficile da approcciare. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search