Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 31 Maggio 2016
di C.d.G.

Taglio del nastro l'1 giugno alla presenza del presidente francese Hollande

Sette anni per realizzarlo. Ma il risultato lascia senza parole. Oltre 14 mila metri quadrati di aree calpestabili, 55 metri di altezza, una cantina gigantesca.

Ecco a Bordeaux, finalmente, “Cité du Vin”, il primo museo del mondo dedicato al mondo del vino. Sarà il presidente francese Hollande domani a tagliare ufficialmente il nastro dell’opera e far aprire le porte al pubblico di questo museo nato per diffondere la cultura del vino.
Attirerà gli enoturisti di tutto il mondo. Andreas Larsson (miglior sommelier del mondo 2007) e Michel Rolland (“l’enologo volante”, consulente di molte grandi aziende del vino) hanno scelto le 14 mila bottiglie che si troveranno all’ultimo piano, sugli scaffali di Latitude20, 800 vini da 80 Paesi, Italia compresa (ne parlavamo qui). Il numero 20 evoca il ventesimo parallelo, sotto al quale i vigneti sono rari. Ogni etichetta avrà un codice a barre, scaricandolo si ottiene un video su storia e caratteristiche di quel vino (in inglese, con sottotitoli in francese, spagnolo e cinese).

La città di Bordeaux si aspetta “lo stesso effetto che il museo Guggenheim ha avuto su Bilbao”. Per questo è tra i finanziatori dell’opera da 81 milioni di euro, assieme a Unione europea, governo, Regione Aquitania, Consiglio Interprofessionale dei vini di Bordeaux (Civb) e Camera di Commercio e dell’Industria. E poi i privati: grandi aziende del vino e mecenati americani. Ci sono percorsi didattici sulla storia e i luoghi del vino.
All’interno tantissima tecnologia: immagini in 3D, profumi diffusi nelle stanze, 10 ore di video, schermi ovunque. Sono state ricostruite le terre del vino (tra i 22 all’ingresso per l’Italia c’è la zona del Prosecco Superiore di Conegliano e Valdobbiadene).
Costo del biglietto 20 euro, 50 per le famiglie, sconti per i bambini. Al piano del belvedere ci sono bar, cantina e ristorante.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search