Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 03 Giugno 2016
di C.d.G.

L'obiettivo dei due creatori è quello di sviluppare la filiera cerealicola per le innovazioni


(Dino Messina e Giuseppe Russo)

di Davide Visiello

Non si può definire “birra” perché la legge numero 141 del 1989 stabilisce che “la denominazione "birra" è riservata al prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces Carlsbergenis o di Saccharomyces Cerevisae di un mosto preparato con malto, anche torrefatto, di orzo o di frumento o di loro miscele e d'acqua amaricato con luppolo o suo derivato o con entrambi”.

 La Rossa di Hammurabi è una bevanda alcolica non filtrata, non pastorizzata, rifermentata in bottiglia, leggermente luppolata, e nel bicchiere si presenta giustamente torbida con una veste ambrata quasi rossastra, rifinita da un evanescente cappello di schiuma beige. I profumi d’impatto sono di lieviti e minerali, poi vengono fuori l’albicocca disidratata, il miele, le spezie, infine una sfumata foglia di pomodoro e qualche suggestione di oliva bianca. In bocca si avvertono subito apprezzabile acidità, sensazioni di arancia amara e tostature, lo spunto sapido si fa sentire e sostiene corpo e persistenza: non si fa amare al primo sorso, ma dal secondo comincia a incuriosire, entra in punta di piedi, si fa spazio e disseta. Interessante idea da raffinare, sicuramente unica perché è una pseudo-birra sperimentale, la prima prodotta in Italia con il 100% di malto di grano monococco, varietà Hammurabi.

Il monococco è la specie geneticamente più semplice e antica di frumento coltivato al mondo: già intorno all’8000 a.C., come testimoniano alcuni reperti, sulle sponde del Mar Morto ne esistevano diverse primitive coltivazioni con spighe fragili che, una volta mature, si rompevano lasciando cadere i semi sul terreno. È qualche secolo dopo che nei campi della Mezzaluna Fertile, territorio del Medio Oriente compreso tra Egitto e Turchia, si iniziò a coltivare un tipo di grano monococco a spiga rigida, risultato di una domesticazione operata dall’uomo che rapidamente di diffuse in tutta l’Europa e che poi gradualmente venne sostituta dalla coltivazione dei più produttivi grano duro e grano tenero.
Nel solco della tendenza contemporanea alla ricerca di healthy food che tanta attenzione pone nei confronti del recupero e della rivalutazione dei grani antichi, la birra di monococco nasce da una brillante idea di Giuseppe Russo e Dino Messina, ricercatori presso il consorzio Ballatore che dal 1997 si occupa in tutta la Sicilia di analisi e studio nel settore cerealicolo.

“Conduciamo sperimentazioni sul grano monococco da otto anni - racconta Dino Messina – ed è vero che ha rese decisamente più basse rispetto al grano duro e a quello tenero, ma il contenuto di carotenoidi, precursori della vitamina A ed anti-ossidanti naturali, è circa 5-10 volte quello del frumento, inoltre il contenuto proteico, circa il 18% della sostanza secca, è superiore a quello di tutti gli altri cereali comunemente coltivati”.
“Alcuni studi hanno dimostrato che i soggetti affetti dalla cosiddetta “wheat sensitivity”, un disturbo che si manifesta con la sintomatologia della sindrome del colon irritabile ed interessa circa il 6% della popolazione, che normalmente hanno difficoltà a tollerare alcuni cereali durante la digestione, non manifestavano alcun disturbo se alimentati con derivati del grano monococco - spiega Giuseppe Russo - Le cause di questo fenomeno potrebbero essere individuate nel glutine poco strutturato e complesso di questo cereale, anche se i ricercatori stanno estendendo le indagini anche in altre direzioni”.
Oggi il monococco, i cui prodotti derivati si distinguono per un caratteristico colore interno giallo dorato, viene coltivato a scopo sperimentale in Sicilia in un’area di un ettaro e mezzo a Valledolmo, ai piedi delle Madonie e i venti quintali di resa per ettaro hanno la positiva particolarità di essere assolutamente privi di micotossine.

Oltre alla “Rossa di Hammurabi”, con la fondamentale collaborazione del Birrificio Chinaschi di Salemi, Messina e Russo hanno dato vita a una seconda etichetta, la “Birra di Monococco” prodotta con il 50% di malto d’orzo e il 50% di malto di monococco ID331, mentre circa un anno fa si concretizzava un’ulteriore collaborazione con il pastificio Minardo di Modica e nascevano due tipologie di pasta di solo grano monococco.
“Il nostro obiettivo - conclude Giuseppe Russo - non è fare impresa, ma creare le condizioni per implementare i percorsi di sviluppo della filiera cerealicola, mettendo importanti informazioni a disposizione di chi è disponibile a investire nelle innovazioni; l’auspicio è quello di poter continuare a dedicare a questo cereale ulteriori attenzioni nei prossimi programmi di ricerca in modo da proporre il grano monococco come materia prima nella produzione di alimenti ad elevato valore salutistico”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search