Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 28 Luglio 2016
di C.d.G.

di Michele Pizzillo

E’ conosciuto come un guru del training finanziario, Alfio Bardolla, nato a Chiavenna nel 1972, ma presto trasferitosi a Milano prima come studente all’Università Cattolica e poi come imprenditore con la creazione di un’azienda leader della formazione finanziaria personale in Europa. 

E a Milano è iniziata la passione per quella che possiamo definire la mission per diffondere in Italia la vera caffetteria all’americana. Nel 2009, infatti, Bardolla crea l’American Coffee Company per aprire caffè all’americana con l’insegna Arnold Coffee. In sei anni ne ha aperto quattro, tre nel centro di Milano e uno a Firenze. In piena estate, poi, Arnold Coffee è “sbarcato” nella Stazione Centrale di Milano, dove lunedì Bardolla ha tagliato il nastro del suo quinto punto vendita italiano. Il negozio si trova in una location strategica, lo sottolinea lo stesso imprenditore appassionato della vera caffetteria all’americana “all’uscita est della Stazione Centrale, fronte pensiline taxi e a pochi metri dalle partenze degli autobus per gli aeroporti milanesi”.


(Alfio Bardolla)

Questo punto vendita è il primo sviluppato con un nuovo concept, dove i nuovi codici colore del visual, rosso e grigio, così come l’insegna più moderna e cosmopolita nonché i moodboard di prodotto e le immagini appese alle pareti “si fondono perfettamente con i valori dell' ‘americanità’ più vera – dice l’amministratore delegato di American Coffe Company - : libertà, energia, ironia, praticità e mobility. Il tutto in perfetta armonia con una vera ‘American Coffee Experience’, durante la quale il cliente è libero di trascorrere del tempo chiacchierando, rilassandosi, leggendo un libro o lavorando al computer”. Che sottolinea: “Arnold Coffee non smentisce il suo carattere unico nemmeno nella scelta di cibi dolci e salati: muffin, donuts, brownies, pancakes, le celebri torte al cioccolato e bagel farciti ben si coniugano con il gusto intenso delle bevande e dell’esclusiva miscela di caffè americano a marchio”,  che motiva così la scelta di puntare su Milano come città cardine per il business avviato ormai 6 anni fa, e che oggi conta su un fatturato di circa tre milioni di euro.
L’apertura milanese fa parte di un piano di sviluppo che prevede l’inaugurazione di altri tre punti vendita entro il 2016, di cui uno in zona Pantheon a Roma e uno dalle parti di Santa Maria Novella a Firenze.

Altri sei nuovi negozi saranno aperti nel 2017 che  “ porterà il fatturato di American Coffee Company a superare i 12 milioni di euro – dice Bardola -. Il piano di sviluppo della società prosegue infatti con la ricerca di nuovi negozi a Milano, e in città dove Arnold Coffee non è ancora presente come Venezia, Bologna e Torino, oltre ad altri tre nuovi punti vendita su Roma e ancora a due nuove aperture a Firenze, per affiancare quello in attività in via degli Avelli e l’altra insegna che dovrebbe essere collocata  nei presso del Duomo. Puntiamo ad almeno 13 nuove location nei prossimi due anni, che porteranno all’assunzione di circa 130 persone”.

Si può dire, a questo punto, che arrivi o meno Starbucks in Italia, Bardolla continuerà a mettere insegne Arnold Coffee in tutti quei posti dove si ravvisano possibilità di successo per il negozio. E, poi, commenta: “auspichiamo che Starbucks arrivi presto: per noi sarebbe un grande vantaggio avere un’azienda così forte che apre il mercato della caffetteria all’americana. In tutti i paesi in cui Starbucks è entrato, i piccoli player organizzati se ne sono avvantaggiati e sono cresciuti”. Consapevole, anche,  di essere agevolato, visto che èla prima catena italiana di caffetterie americane che fa riscoprire il piacere del caffè in un ambiente accogliente, confortevole e internazionale che, oltretutto, ha brevettato una miscela esclusiva di caffè che regala un gusto intenso, ideale per accompagnare muffin, donuts, brownies, pancakes, così come le celebri torte made in Usa.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search