Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 07 Maggio 2018
di C.d.G.


(Agostino D'Angelo)

di Francesca Landolina, Taormina (Me)

Con l’arrivo dei primi mesi primaverili, si apre la nuova stagione a Taormina e arrivano le novità al ristorante Oliviero della struttura Belmond Villa Sant’Andrea. Ai fornelli un ritorno atteso, quello dello chef Agostino D’Angelo. Siamo andati a trovarlo per scoprire chi è e come esprimerà se stesso in cucina.

Agostino è un trapanese doc, 40 anni compiuti e una passione per la cucina che inizia fin da bambino. Un po’ per caso. “La prima volta che cucinai la pasta avevo sei anni, combinai un guaio perché mio fratello mi lasciò da solo in cucina ed io mi diedi da fare. Non sapevo come si cucinasse la pasta e la lasciai ore e ore in acqua. Oggi ricordando l’episodio, ne ridiamo. Ma da allora il mio amore per la cucina è indissolubile. Non saprei vivere lontano dai miei fornelli”, racconta D’Angelo. Innamorandosi fin da piccolo dei sapori della tradizione siciliana, è infatti in famiglia che apprende i segreti della cucina casalinga, insieme alla nonna che trascorreva ore “incocciando” a mano il cous cous; l’arte dell’ospitalità cresce invece spontanea, aiutando lo zio nella sua trattoria. La strada familiare lo porta subito dopo la scuola a intraprendere la carriera professionale nelle cucine di diversi hotel 4 e 5 stelle di varie regioni d’Italia, passando dalla Sicilia alla Toscana.

Dopo diverse esperienze professionali all’estero e a Londra, in particolare, nelle cucine di ristoranti di lusso, tra cui The Ten Trinity Hotel Four Seasons, sceglie di rispondere alla chiamata di ritorno verso la sua terra. Il ristorante Oliviero infatti è il porto verso cui far ritorno dopo aver coltivato la sua fame di esperienze internazionali. “Iniziavo a sentire la voglia di tornare in Sicilia e al Belmond Villa Sant’Andrea sento di poter esprimere al meglio la mia filosofia di cucina che si basa sulla genuinità degli ingredienti autoctoni e sulla semplicità dei gusti della Sicilia più autentica”, afferma. “Dagli anni passati, trascorsi all’Oliviero, ad oggi però le cose sono cambiate, io sono cambiato e di conseguenza la mia cucina, in cui affiorano ricordi della tradizione siciliana ma anche influssi internazionali, quelli arabi tipici della tradizione trapanese e quelli francesi, indiani e asiatici scoperti durante le esperienze all’estero, ma reinterpretati sempre in piatti in cui cerco di suscitare emozioni ed evocare ricordi della mia memoria di bambino”.

Tra i nuovi piatti proviamo il crudo di pesce al fumo, dai sapori nitidi ed essenziali, in cui lo chef esibisce un po’ della tecnica orientale adattata alla materia prima locale; 

i ravioli con ripieno di caprino e verdure primavera, il piatto che più ci ha convinto per l’armonia e il bilanciamento dei sapori, combinati nel giusto mix di cremosità, densità croccante e sapidità;

tonno su letto di cipolla di Giarratana; 

la cheesecake al gelsomino con spugnoso al tea matcha.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search