Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La novità il 08 Luglio 2016
di C.d.G.

di Fabiola Pulieri

D'estate l'esodo dei romani verso i luoghi di vacanza inizia da maggio e tra le mete più gettonate c'è sicuramente la Sicilia, Palermo in primis, ma quest'anno la tendenza è cambiata, si sono invertiti i poli e la Sicilia si è trasferita a Roma. 

Sulle sponde del Tevere, in zona Ponte Milvio, dal 18 giugno è approdato “Siculo”, il sicilian temporary restaurant nato da una costola di Scialo, il famoso ristorante di via Notarbartolo a Palermo, che resterà nella capitale fino al 30 settembre. Durante la presentazione alla stampa qualche sera fa a cena, uno dei due titolari, Paolo Calò ha detto: "Per noi non è una novità, abbiamo solo cambiato meta. Negli anni passati, infatti, Scialo dopo la chiusura a giugno, è sempre stato itinerante: a Vulcano e a Lipari. Quest'anno, quando tramite un amico abbiamo saputo della possibilità di venire a Roma, abbiamo abbandonato i lidi isolani per una traversata più lunga verso la Capitale, a tentare una nuova avventura”.


(Paolo Calò)

Da Siculo, ogni sera, la brigata siciliana porta in tavola i prodotti e i piatti tipici e tradizionali di questa fantastica terra: dalle arancine alle crocchette di patate, dalla caponata alle sarde a beccafico, al crudo di gamberi rossi di Mazara del Vallo, ai salumi e formaggi siculi.
Continua Calò: “L'idea è quella di un test e il pubblico romano sta rispondendo con entusiasmo, ogni sera aggiungiamo coperti e aumentano le richieste, quindi la prospettiva può essere più lontana e guardare all'inverno con una nuova location e nuove proposte in stile palermitano. Stiamo valutando, è tutto in divenire”.

Tra i primi piatti proposti da Siculo a Ponte Milvio ci sono: anelletti al forno, bucatini con le sarde, spaghetti con i ricci o busiate alla trapanese; e come secondi: pesce spada alla ghiotta, tonno rosso in agrodolce, arrosto panato alla palermitana o involtini di carne alla siciliana. Immancabili nel menù i golosissimi dolci siculi: cannoli, cassate, cremolose, gelo di melone, il tutto accompagnato dai vini dell'azienda “Judeka” (Grillo, Nero d’Avola e Syrah) nata a Caltagirone, nel 2007 dall’idea di un gruppo di giovani imprenditori Siciliani, capitanati da Valentina Nicodemo.
Non manca lo street food: panelle e crocchè, arancine e sfincione, per una pausa veloce con cui assaporare l’essenza più vera della Sicilia e poi c'è un'area riservata all’aperitivo e al cocktail bar che accoglie live music e dj-set.

I due titolari-imprenditori, Paolo Calò e Baldo Milotta, hanno pensato davvero a tutto ed hanno allestito anche un ben fornito punto di vendita con i tipici prodotti siciliani, molti dei quali fanno parte della linea, creata da loro, che porta lo stesso nome del ristorante “Scialo” di Palermo. Tra un aperitivo, una cena, un assaggio e tante chiacchiere al fresco, con un sottofondo musicale, il frinire delle cicale e lo scroscio delle acque del Tevere, si può tornare a casa con la sensazione di aver viaggiato verso la Sicilia ed essere ritornati portandosi via anche un souvenir gastronomico a scelta tra conserve di prodotti ittici (filetti e ventresca di tonno, paté di pesce spada e di tonno, acciughe arrotolate con mandorle, pistacchi o capperi, la caponata di tonno con carciofi o melanzane, i preparati al nero di seppia e con le sarde) o vegetali (pomodori secchi, capperi, paté di finocchietti oppure di carciofi e mandorle). Appuntamento dunque a settembre per il nuovo, e forse definitivo, indirizzo romano di Scialo.
 
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

3) Baccalà in olio cottura su salsa puttanesca  e crumble di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search