Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La proposta il 22 Marzo2012

Più tutela per il consumatore e soprattutto per la qualità del prodotto.

E’ quanto chiede la proposta di legge salva-olio presentata da Coldiretti, Fondazione Symbola e Unaprol. Approdato ieri a Roma, il testo rivendica etichette più grandi, uno stop ai marchi ingannevoli e la chiarezza sui nomi delle aziende che importano olio dall’estero. Una stretta contro chi specula sul prodotto olivicolo nazionale.

L’iniziativa di legge nasce dalla necessità di fare luce su quello che arriva sulla tavola del consumatore, il quale ancora ad oggi, come denuncia la Coldiretti, non ha a disposizione una informazione realmente chiara su quello che consuma.

L’intervento della norma mirerebbe a strozzare il gioco dell’inganno, di cui ne approfitterebbero non pochi ristoratori. E infatti legge riporta ll'obbligo di utilizzo di un tappo anti-rabocco per evitare il rischio che la bottiglia di extravergine possa essere poi allungata o riempita con prodottiche non hanno nulla a che vedere con quello originario.

Nel testo è stato inserito anche un altro importante parametro antifrode: il valore del contenuto in etil esteri minore o uguale a 30 mg/Kg, per garantisce che il prodotto non abbia subito fermentazione o cattiva conservazione delle olive. E sulla produzione di miscele  di oli di oliva estratti in un altro Stato membro o Paese terzo, la proposta di legge vorrebbe che la dicitura venisse preceduta dal termine “miscela” stampato in maniera ben evidente rispetto alle altre indicazioni.  

Per salvaguardare l’origine geografica del prodotto le associazioni vorrebbero che si impedisse la registrazione di marchi d'impresa con segni o simboli che chiaramente ingannano sulla provenienza geografica delle materie prime. Sono state inserite nel testo infine anche norme più restrittive sull'importazione e sulla lavorazione di oli stranieri in Italia che poi vengono riesportati, anche per committenti stabiliti in Paesi non comunitari. E ancora  la proposta di legge prevede una stretta anche sui test per verificare le caratteristiche organolettiche degli oli. Oltre all'inserimento in un apposito elenco nazionale, si obbligherebbe gli assaggiatori a seguire un rigido codice di comportamento.

Maria Giambruno

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search