Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La provocazione il 20 Marzo 2012
di C.d.G.

“Basta con questi cucchiaini monoporzione. Si ritorni alla cucina di sostanza che privilegi il territorio. D’altra parte non è un caso se trattorie e osterie stanno ritrovando in tutta Italia l’attenzione della clientela a discapito dei ristoranti più raffinati e soprattutto di quelli che privilegiano la presentazione di un piatto rispetto al resto”.

Questa è la provocazione di Marisa Fumagalli (nella foto), la giornalista del Corriere della Sera che segue il mondo dell’enogastronomia.

Si rivolta contro quella cucina servita su cucchiaini la cui forme ricordano le prodezze di Uri Geller, personaggio televisivo degli anni ’70 dai presunti poteri psichici, che riusciva a piegare cucchiai o a manipolare le lancette degli orologi (ndr).

Mini scatolini, cucchiai dalle forme strane, piatti stravaganti, la giornalista si ribella alla ristorazione da "molto design e poca sostanza" .

“Torniamo ai nostri piatti classici. Siamo davanti ad una moda che costringe il cibo a mera presentazione. Credo che sia assurdo che lo stile monoporzione ultra moderno venga proposto anche sulle tavole dei ristoranti tradizionali, o peggio, degli agriturismi. Basta! Torniamo ai piatti di una volta, quelli veri, eliminiamo gli involucri posticci”. 

Maria Antonietta Pioppo


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search