Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La ricerca il 26 Marzo2018

La perfetta tazzina di espresso? Deve tenere conto di fattori come la durezza dell'acqua, la freschezza dei chicchi di caffè e la tostatura, la macinatura e il giusto equilibrio tra la parte liquida e la polvere. 

Parola dei chimici americani che alla nera bevanda, per la quale esiste una grande tradizione in Italia, hanno dedicato uno studio presentato al 255esimo meeting nazionale dell'American Chemical Society. La durezza dell'acqua: può influire sul sapore. L'acqua "dura" con un'alta quantità di magnesio e calcio fa sì che il caffè abbia un sapore più forte rispetto all'acqua "morbida". Questo perché composti come la caffeina si attaccano al magnesio durante il processo di produzione. L'acqua 'dura' può anche avere elevate quantità di bicarbonato e ciò fa sì che il caffè abbia un sapore più amaro. La freschezza dei chicchi di caffè influisce. Il caffè appena tostato contiene anidride carbonica e altri composti che evaporano facilmente. Con il passare del tempo, questi composti volatili 'sfuggono' ai chicchi e così la tazza di caffè ha meno aroma.

Una temperatura più bassa rallenta la velocità di evaporazione, il che spiega perché la conservazione del caffè in frigorifero prolunga la sua durata. - La macinatura: non troppa e neppure troppo poca. Non troppo fine perché le particelle si 'incollano' le une alle altre e questo ne altera l'estrazione. Ma va anche considerato che fino ad un certo punto, un grado fine di macinatura aumenta la superficie di estrazione e questo rende più gustoso l'espresso. Il "matrimonio" tra l'acqua e la polvere di caffè: quando si estrae l'espresso, l'acqua deve entrare in contatto uniformemente con la polvere di caffè. Christopher H. Hendon, autore dello studio, intende ora concentrarsi sull'impatto della temperatura sulla macinatura del caffè, tenuto conto che il caffè raffreddato macina più uniformemente.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search