Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La Ricetta
di Emanuele Di Bella
     LA RICETTA

ricetta_78hp.jpg
Polpette
a modo suo
    LA RICETTA

ricetta_78hp.jpg
Polpette
a modo suo


Non so cosa rappresentino per voi le polpette, per me molte cose, anzi direi che potrei rintracciare molti luoghi e momenti in cui nel bene o nel male c’erano delle polpette. Sul serio, pensateci, quant’è eclettica una polpetta? La puoi fare come vuoi, conserva sempre quel non so che di buono, di gustoso e di casalingo.
Le polpette poi, girano il mondo, sono cibo di tutti, pensate a quelle indiane, quelle arabe, quelle belga o all’hamburger americano. Abbondano sui piatti di tutti e per ognuno, la polpetta è qualcosa di speciale. Sono in brodo, al sugo, speziate, piccanti, persino fritte.
In questi giorni in cui l’autunno è alle porte ed è tempo di bilanci, di cambiamenti, di ritorno a lavoro e soprattutto per me di esami universitari, una polpetta a pranzo in compagnia di un’amica che meriti è un piccolo dono, un piccolo vezzo che fa la differenza.

Polpette a modo mio:

300 gr di carne macinata
Mezza cipolla bianca
Un bicchiere di latte
Mollica di pane
Prezzemolo
Spezie (io ho usato il garham masala, una miscela di spezie indiane)
Sale
Un filo d’olio extravergine d’oliva

Suggerisco la scelta di una carne magra accuratamente ammorbidita dalla mollica e dal latte.

Procedimento:
In una terrina mescolate la carne con la mollica di pane sbriciolata e ammorbidite con il latte. Tritate finemente la cipolla e il prezzemolo ed aggiungeteli al composto, spolverizzate un po’ delle spezie che preferite, infine salate. Lasciate riposare una decina di minuti, poi preparate tante piccole palline. Ungete una padella con un filo d’olio e gettatevi dentro le polpette mantenendo il fuoco basso, lasciate cuocere per qualche minuto e servite.

Per dubbi, consigli e proposte scrivete a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..


Laura Di Trapani

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search