Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Notizie flash il 29 Aprile2021

Formazione ed innovazione, driver per la ripartenza della filiera agroalimentare del Mezzogiorno.

È stata siglata a Catania un’importante partnership tra il Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia e Fmts Group che punta dritto ad un obiettivo di medio-lungo periodo: rafforzare i pilastri della comunicazione e della cooperazione tra le imprese anche attraverso percorsi di formazione dedicati. La sfida principale è di rispondere alla crisi dovuta alla pandemia con un’azione programmatica congiunta. Così sono stati messi nero su bianco i punti sui quali investire per sostenere ulteriormente la produzione agrumicola siciliana nel suo ruolo di traino per il settore. Ad oggi, infatti, il Distretto conta al suo interno 50 imprese della filiera agrumicola siciliana, 5 Consorzi e Associazioni di Tutela Dop e Igp nonché 32 enti. I dati ISMEA 2019 su 2018 parlano di 42.500 aziende per un fatturato di 532 milioni di euro (Produzione Lorda Vendibile). L'incontro con Fmts Group consente di creare nuove sinergie e pianificare in un'ottica di più ampia cooperazione. Dodici sono le aziende che costituiscono il gruppo Fmts con 220 risorse interne; le ore di formazione erogate sono più di 300mila per un valore di progetti approvati pari a 54 milioni; nel Mezzogiorno d’Italia Fmts è presente oltre che in Campania anche in Basilicata, in Puglia, in Calabria e in Sicilia.

A completare l'accordo sottoscritto qualche giorno fa c'è la collaborazione con In Cibum, la Scuola di Alta Formazione Gastronomica che fa capo ad Fmts Group e che rappresenta un'eccellenza del Sud Italia per la formazione sul mondo food. Con la firma del documento la presidente del Distretto, Federica Argentati, (agronomo, siciliana) e Giuseppe Melara presidente e Ad di Fmts Group hanno dato ufficialmente il via ad un nuovo corso. Come sottolineato dalla presidente Federica Argentati: “Questa sinergia nasce dalla volontà di ampliare le connessioni della filiera agrumicola siciliana, allargando la platea di interazioni virtuose del Distretto Agrumi di Sicilia, in questo caso con la rete di Fmts Group. Il valore aggiunto, oltre alla formazione continua per gli addetti della filiera siciliana tramite i progetti di In Cibum dedicati al food, sarà l’opportunità, di declinare la comunicazione delle nostre eccellenze Dop, Igp e Bio attraverso i canali dell’enogastronomia “made in Italy”, celebrata e apprezzata in tutto il mondo”.

Per il presidente Giuseppe Melara la firma è solo l'inizio di un percorso che vuole guardare lontano: “Siamo sempre più consapevoli che i prodotti di eccellenza sono gli ambasciatori dei territori. Con questa firma diamo inizio ad un progetto culturale che punta ad una innovazione vera e concreta. Per raggiungere questo obiettivo è necessario investire in percorsi formativi che siano in grado di dare valore alle singole realtà e successivamente alla loro cooperazione. Il Mezzogiorno è una terra plurale, il luogo delle contaminazioni culturali ed è da questi tesori immateriali che è possibile ripartire immaginando percorsi sfidanti all’insegna dell’innovazione”.

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search