Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Notizie flash il 16 Luglio 2020
di Giorgio Vaiana

 

Il nome di Massa Lombarda, Comune romagnolo oggi abitato da diecimila abitanti, un secolo fa riecheggiava in mezza Europa: questa località, collocata al confine tra le province di Ravenna, Bologna e Ferrara, era l’epicentro della frutticoltura moderna italiana e da qui si esportavano decine di varietà destinate a tante città del Vecchio Continente.

A farla da padrona, tra le coltivazioni, c’era il pesco, in particolare il cosiddetto “bus incavé”, così chiamato per la caratteristica sutura del suo frutto, profonda e appunto incavata. "La produzione di Massa Lombarda era rinomata al punto che il paese, nel 1927, venne scelto come sede della seconda Esposizione nazionale della frutticoltura", spiega Guido Zanoni, della Condotta Slow Food Godo e Bassa Romagna. Il successo della pesca dal buco incavato trainò per almeno tre decenni l’economia della zona. Da lì a poco, però, sarebbe cominciato il declino: a causarlo, l’introduzione anche in questo territorio di nuove cultivar provenienti dall’America in grado di essere conservate più a lungo, e pertanto di essere commercializzate e trasportate con maggiore facilità. Se nel 1936 il buco incavato rappresentava il 20% della produzione romagnola, a cui va aggiunto un ulteriore 7% del buco incavato tardivo, negli anni Sessanta il dato era sceso allo 0,2%. Per il buco incavato, la fine. O quasi.

La riscoperta partita da due piante ritrovate nel campo di un contadino
Da alcuni anni, a Massa Lombarda, è partito un progetto di riscoperta di quello stesso pesco che, un secolo fa, segnò l’avvio di un’economia fiorente. «Sapevamo tutti di questa varietà, ma non riuscivamo a individuarla» prosegue Zanoni. Poi ecco il ritrovamento, grazie all’impegno del Comune di Massa Lombarda e del Centro Ricerche Produzioni Vegetali di Cesena (CRPV): "Le prime due piante sono state rinvenute nel terreno di un contadino di Massa Lombarda - aggiunge - Così è iniziato il lavoro per replicarle e distribuirle ad altri agricoltori". La comunità del luogo sembra aver accolto con entusiasmo il progetto di recupero della pesca dal buco incavato. E ora che questa varietà è divenuta Presidio Slow Food, l’idea è di ripartire proprio da questo frutto antico per rilanciare l’economia locale, guardando alle tradizioni e provando a innovare. "Da alcuni anni - spiega Zanoni - per motivi climatici, per la concorrenza dall’estero e per la crisi dei prezzi, la coltivazione delle pesche in questa zona non è più conveniente come in passato, e sta perciò lentamente sparendo. Speriamo di ripartire recuperando un prodotto tipico e di grande valore".

Rossa e profumatissima: perfetta anche per le confetture
La buco incavato è di media pezzatura, con polpa bianco-verde e sfumature rosso intenso. Bella da osservare - per il caratteristico solco che le dà il nome - ma soprattutto da assaporare: merito della tessitura fine e del naturale equilibrio tra zuccheri e acidi che le regalano un aroma inconfondibile. "Con il lancio del Presidio Slow Food stiamo cercando di salvarla e valorizzarla, ma non puntiamo a venderla troppo lontano da dove nasce - spiega Lara Malavolti, la referente dei cinque produttori che attualmente assicurano a questa varietà di pesca di arrivare in tavola - Ci piacerebbe che venisse apprezzata e consumata sul territorio, perché crediamo nella cultura di prossimità, cioè nel mangiare e nel vivere con ciò che ci regala la terra". Attualmente la produzione si aggira intorno ai 200-300 quintali l’anno: il primo passo per il rilancio, spiega Malavolti, è far conoscere la buco incavato anche trasformata in confettura o frutta secca. "Chi ha l’occasione di conoscerla non la dimentica", assicura. E sembrerebbe proprio vero: "Da una decina d’anni, a Massa Lombarda, ogni estate si organizza la festa che celebra la buco incavato - conclude Zanoni - È bello vedere gli anziani del paese arrivare in piazza e sentirli esclamare, sentendone il profumo, che è davvero qualcosa di diverso dalle altre pesche".

La  pesca buco incavato è prodotta nei comuni di Massa Lombarda, Bagnacavallo, Conselice, Lugo, Faenza Russi e Ravenna (in provincia di Ravenna). Il Presidio Slow Food è sostenuto dal Comune di Massa Lombarda.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search