Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Notizie flash il 11 Settembre 2020
di Giorgio Vaiana

L'anima più autentica delle Dolomiti bellunesi si riflette in un prodotto unico, il Piave Dop, che oggi celebra la sua terra e i suoi protagonisti con il reportage “Versanti di gusto”, presentato in anteprima al Festival Letteratura di Mantova.

Interprete della nuova campagna di comunicazione, nata nell’ambito dell'innovativo progetto di promozione Nice to Eat Eu, è Paolo Castiglioni, food photographer fra i più accreditati in Italia e profondo osservatore del Piave Dop. Il suo racconto è il frutto di un percorso di studio e di personale interpretazione, dove il territorio e il prodotto dialogano senza soluzione di continuità, giocando sulle reciproche sovrapposizioni di significati e di valori. Le Dolomiti, con le loro successioni di rocce stratificate, gli altopiani estesi, i corsi d'acqua, i boschi che contornano prati e alpeggi; montagne dall'aspetto maestoso e magnetico, frutto di incessanti mutazioni, un processo geologico durato milioni di anni, necessario per ottenere la magia che ritroviamo oggi davanti ai nostri occhi. E il Piave Dop, intrinsecamente legato al suo territorio, di cui riflette l'unicità e la complessità. Nei suoi aromi si ritrovano e si fondono gli elementi che contraddistinguono queste montagne e la loro storia, in un prodotto antico, frutto del sapere storico e artigiano dei casari locali, in continua evoluzione, fino al gusto contemporaneo che milioni di consumatori apprezzano e che gli è valso i più prestigiosi riconoscimenti internazionali.

"Siamo molto soddisfatti di questo reportage che racconta il nostro prodotto e il nostro territorio in maniera sincera, intima e innovativa -, commenta Chiara Brandalise, Direttrice del Consorzio di Tutela – . Abbiamo scelto Paolo per la sua capacità di mettere in rilievo i diversi elementi che connotano il nostro formaggio e trasmetterne l'autenticità e la qualità. Il progetto Nice to Eat -EU nasce con l’obiettivo ambizioso di promuovere un cambiamento culturale, un’operazione di comunicazione per modificare il modo in cui i prodotti DOP si raccontano e vengono percepiti”.

Finalità condivise da Patrizio Roversi, viaggiatore professionista, giornalista, scrittore e conduttore che agli elementi etnografici e di antropologia culturale legati al cibo e ai luoghi ha dedicato gran parte della sua professione. “Si sa da sempre che c’è un Piave che “mormora”. Ma c’è anche un altro Piave, che invece parla, e parla chiaro. Parla di sapore, di relazioni con un territorio, di storia. Dice “pane al pane e vino al vino” (peraltro va molto d’accordo sia col pane che col vino): parla anche di economia, di risorse, di futuro, di opportunità di lavoro e di valori culturali. Parla persino di letteratura, dentro ad un Festival di libri. Se volete sentirlo parlare venite a Mantova!". Al Festival Letteratura il progetto Nice to Eat-EU è infatti protagonista di altri due momenti: uno spazio permanente in Piazza Sordello, aperto al pubblico, dove è possibile degustare il prodotto e approfondirne la conoscenza mentre Domenica 13 settembre sarà sponsor dell'evento "Rocco e i suoi fardelli" con Antonio Manzini e Lella Costa, un incontro con l’autore incentrato sulle vicende del vicequestore più amato dagli appassionati di letteratura gialla nostrana, Rocco Schiavone.

Alla presentazione di questa mattina è intervenuto anche Alberto Marcomini, uno dei maggiori esperti italiani in prodotti lattiero caseari, noto come il 'guru' del formaggio: ne conosce i segreti, le forme, i metodi di produzione, il momento per la giusta rottura di cagliata e i sistemi di taglio, tanto da essere considerato un vero maestro dell'arte casearia. "Superbe montagne, popolo profondamente legato alla propria terra, antiche coltivazioni di mais, patate, fagioli, pascoli incontaminati, e al centro di questo universo incontrastato il Re dei formaggi bellunesi, il Piave DOP. Raro esempio di tradizione contadina e innovazione moderna. Una bella storia italiana".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search