Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 21 del 09/08/2007 il 08 Agosto 2007
di Emanuele Di Bella
    LA CURIOSITÀ


tappo_hp.jpgSughero, silicone o vetro. Come la chiusura della bottiglia può influenzare la storia di un vino. Ecco cosa ne pensano alcuni produttori

Si fa presto
a dire tappo

Sughero, silicone o vetro? E poi tappi a estrazione o a vite? Non è più soltanto di sughero la chiusura delle bottiglie di vino. Certo, i produttori sono tutti d’accordo su un aspetto: se si parla di un rosso dal quale ci si aspetta un buon invecchiamento in bottiglia, va utilizzato il più antico dei materiali.
sughero.jpgMa per i prodotti da consumare subito, c’è anche altro. E così accanto al tradizionale sughero, da lungo tempo utilizzato per sigillare le bottiglie di vino, esiste oggi sul mercato una varietà di prodotti sostitutivi impensabile fino a pochi anni fa. Passi per la plastica ed il silicone, a cui anche il consumatore ha cominciato ormai ad abituarsi, ma chi avrebbe mai pensato di arrivare ad utilizzare il vetro?
Il sughero è un materiale naturale, ricavato dalla corteccia del quercus suber, che cresce in Paesi caldi come Portogallo, Spagna, Africa del nord ma anche Italia, in Sardegna in particolare. Fra le sue caratteristiche più importanti la resistenza, la leggerezza e la grande elasticità, elemento che garantisce la chiusura ottimale della bottiglia. Accanto a queste la capacità di garantire al vino una benefica “respirazione”, interagendo così con l’esterno per completare, ed esaltare, aromi e profumi. A svantaggio del sughero due aspetti: i costi, silicone.jpgdiventati oggi piuttosto elevati per prodotti di buona qualità e il rischio dell’“odore di tappo”, causato dall’insorgere di muffe. “È un rischio che va messo in conto – dice Stefania Lena di Fatascià -. Ma anche il rito di aprire una bottiglia e riconoscere se sa di tappo non va perso. Credo, piuttosto – aggiunge – che i tappi in sughero possano dare maggiori garanzie per la maturazione del vino imbottigliato, soprattutto se parliamo di grandi rossi”. Un aspetto, quest’ultimo, su cui concorda Diego Cusumano, dell’omonima cantina di Partinico (Palermo) che però guarda con interesse anche il vetro: “Può dare sicurezza nella conservazione, assicura neutralità del prodotto e poi è elegante. vetro.jpgQuesti i tre punti a favore, tanto che stiamo cercando di sperimentare il vetro anche per la conservazione di vini di fascia superiore”. E poi c’è il recente vino-lock, tappo in vetro di invenzione tedesca, che oltre a non necessitare di cavatappi per l’apertura ha anche il vantaggio di essere richiudibile, grazie ad una piccola guarnizione in gomma. Oltre che, ovviamente, riciclabile. Una soluzione, questa, accolta con favore soprattutto dai produttori americani ed australiani.
La maggiore economicità e un grande utilizzo sta alla base dell’utilizzo dei tappi in silicone. Il suo utilizzo è sempre più diffuso, in particolare per vini da consumare nel breve tempo. Silvia Sciarrone, responsabile controllo di qualità di Calatasi, la cantina di Maurizio Miccichè: “Noi usiamo il sughero e il silicone. Il sughero dà tannini e aromi che permettono al vino un ulteriore invecchiamento in bottiglia. Ma il rischio è la creazione di muffe. Da qui l’utilizzo dei tappi sintetici per i vini di ‘pronta beva’. E poi ci sono anche i tappi a vite, sempre per vini da bere subito, con l’esterno in alluminio, e l’interno in materiale plastico”.



Marco Volpe

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search