Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 21 del 09/08/2007 il 08 Agosto 2007
di Emanuele Di Bella
    VERDE A TAVOLA


zucca_hp.jpgIntrodotta dopo la scoperta dell’America, venne utilizzate prima per usi medici poi anche in cucina. Alcune ricette per gustarla al meglio

Zucca rossa,
trionfo degli antipasti

Conzala come vuoi, ma sempre cocuzza è. L‘adagio popolare forse non rende giustizia alla straordinaria bontà di questo ortaggio che trova infinite applicazioni, dal salato al dolce.
zucca.jpgIntanto va detto subito che se non fosse stato per Colombo chissà quanto avremmo dovuto aspettare noi europei per gustarla. La zucca infatti, scientificamente nota come Cucurbita pepo, fu introdotta dopo la scoperta dell’America ma fu Mathias Lobel ad assicurargli gloria eterna. Non tanto in cucina, quanto in medicina. Sulle prime la sua polpa di un caldo color arancio interessò relativamente. Lobel verificò invece la proprietà vermifuga dei suoi semi. Un’intuizione confermata tre secoli dopo dal medico cubano Mongeny che segnalò per primo, nel 1820, l’efficacia dei semi freschi contro il verme solitario, il famigerato verme taglierino o Taenia solium. E allora intanto ecco la ricetta sempre efficace per il vermifugo: 60 grammi di semi freschi pestati e tritati con 20 grammi di miele o zucchero, un cucchiaio d’acqua e un po’ di fiori d’arancio. Due ore dopo l’ingestione vanno somministrati due cucchiai d’olio di ricino come purga e buonanotte al taglierino!
In cucina la zucca rossa trionfa sovrana. Lessata con un po’ di cipolla e olio è un ottimo antipasto. Vi si possono aggiungere delle patate per rendere più sostanzioso il piatto. La semplice zucca appena scottata può essere trasformato in purea e può tornare utile per imbottire ravioli. O per fare uno splendido risotto, cui si può aggiungere la propria spezia preferita. Tagliata a fette e fritta in olio d’oliva assume un sapore più corposo. Lo stesso soffritto viene impiegato per condire il macco, ma solo a Palermo. E c’è chi propone anche la classica torta margherita con un soffice impasto di zucca e farina che non è affatto male. Al mercato la zucca si trova ormai in quasi tutti i periodi dell’anno. La migliore è più saporita è quella con la polpa compatta e di un bel arancio vivo.


Mario Pintagro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search