Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 127 del 20/08/2009 il 12 Agosto 2009
di Redazione

A caccia della qualità, come riconoscerla

A caccia della qualità, come riconoscerla

Le regole per riconosce un buon gelato artigianale? Dovrebbe avere aspetto e superficie liscia, seppure leggermente porosa, colore naturale e invitante,  sapore fresco e ben individuabile. Si deve evitare il gelato dall'aspetto aspetto ruvido, granuloso, i colori troppo "accesi", il sapore aspecifico, non perfettamente individuabile.

Ecco sette regole per andare sul sicuro:
1. leggere gli ingredienti riportati nell'apposita tabella. Se il gelato contiene oli/grassi vegetali idrogenati o parzialmente idrogenati, scartarlo, soprattutto se si trova nelle prime posizioni nella lista degli ingredienti (ovvero in quantità determinante);
2. la bocca dopo l'assaggio deve restare pulita, non impastata. Evitare quei gelati che lasciano la sensazione di untuosità e di grasso sulle mucose della bocca, segno inequivocabile della presenza dei grassi vegetali idrogenati;
3. scartare i gelati che contengono frutta liofilizzata, coloranti artificiali;
4. più il gelato è cremoso, ovvero meno si avvertono i grumi di ghiaccio, maggiore è la sua qualità;
5. se il gelato non si scioglie, soprattutto se la temperatura è elevata, allora è probabile che contenga grassi vegetali idrogenati. Meglio evitarlo;
6. un buon gelato artigianale deve presentarsi con colori dalle tonalità delicate, non troppo sgargianti. Relativamente alla struttura, la spatola deve adagiarsi lentamente sul gelato che apparirà cremoso, facile da raccogliere. Inoltre, un buon gelato preparato e conservato correttamente, non si scoglie in fretta né rimane duro troppo a lungo;
7. verificare, all'assaggio che il gelato sia omogeneo, uniforme nella sua consistenza, senza grumi di ghiaccio.

A.S.
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search