Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 127 del 20/08/2009 il 19 Agosto 2009
di Redazione

IL VINO SICILIANO NEL MONDO

altI dati parlano di 622 ettolitri di prodotto imbottigliato trasferito dall’Isola. E nove imprenditori hanno creato un consorzio per l’export in Estremo Oriente

La nuova frontiera
si chiama Cina

Probabilmente la Cina non è ancora il posto migliore dove selezionare una bottiglia di vino al ristorante. Il lungo isolamento, la situazione politica, la scarsa apertura nei confronti degli imprenditori stranieri non è stato certo finora un terreno fertile per produttori e importatori di vino italiano e non solo. Adesso, però, la situazione sta cambiando.

Un dato per tutti è emblematico del cambiamento: è previsto che entro il 2011 il consumo di vino in Cina supererà il miliardo di bottiglie. E pensare che fino a questo momento il vino italiano ha avuto solo un timido successo, detenendo meno del 20 per cento come quota di esportazione, con le tavole dei ristoranti e degli alberghi di lusso invase dalle etichette cilene ed australiane.
Per quel che riguarda la Sicilia, i numeri dicono che in Cina, secondo i dati Coreras-Istat ed elaborati dall’Istituto regionale della Vite e del Vino, l’Isola ha toccato quota 197.850 euro in valore e 623 ettolitri (di cui 622 di prodotto confezionato) in quantità. Le statistiche, le più recenti a disposizione, si riferiscono al 2006, intanto l’export verso l’Estremo oriente ha subito una crescita. Tanto che nove imprenditori del vino, capitanati dalla siciliana Barbera di Menfi, hanno dato vita al Consorzio Italia Wine Alliance che porta, sotto il marchio Italia, alcuni rappresentanti delle regioni vitivinicole più vocate d'Italia. altDal Piemonte alla Sicilia, sono nove le cantine che insieme rappresentano il made in Italy in un mercato che presenta vertiginosi tassi di crescita annuali: negli ultimi quattro anni il consumo di vino è aumentato del 67% portando la Cina ad essere primo paese consumatore in Asia. "Il consorzio - spiega Marilena Barbera, presidente del Consorzio - nasce dall'esigenza di presentare e promuovere il vino italiano con un'immagine solida e soprattutto unitaria. Con un unico marchio, che ne affermi l'alta qualità e ne identifichi la peculiarità di essere frutto di un territorio e di una cultura millenaria. Abbiamo infatti rilevato come presso i consumatori cinesi non ci sia una corretta rappresentazione del sistema vinicolo italiano: ancora non si percepiscono le variegate realtà regionali, le differenze e le tipicità che rendono unici i vini italiani nel mondo".
Ma naturalmente in un mercato così importante è fondamentale anche scegliere le “piazze” giuste. Shanghai è considerata quella più trendy, quella che detta la moda del Paese non è un caso che il prossimo anno ospiterà l’Esposizione Universale (basta fare un giro in centro per notare centinaia di cantieri aperti notte e giorno). Inoltre Shanghai è anche la città cinese con i più alti redditi pro-capite e con una corposa popolazione giovane e benestante. Hong Kong, invece, è considerato il più importante punto di incontro di tutta l’Asia, uno stato nello stato, probabilmente la più occidentale delle metropoli cinesi. Chiarissimo anche l’identikit degli abitanti di Hong Kong che amano il vino: solo il quattro per cento della popolazione ha preso confidenza con le bollicine, mentre nella divisione fra bianchi e rossi, sono questi ultimi a fare la parte del leone, dominando il 72 per cento del mercato.

Marco Volpe


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search