Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 127 del 20/08/2009 il 22 Agosto 2009
di Redazione

L'INAUGURAZIONE

Riaperti dopo 16 anni i cancelli della cantina Kaggio in provincia di Palermo. La struttura, confiscata alla mafia, è stata consegnata al consorzio Sviluppo e Legalità e sarà un centro di sperimentazione

Il vino del riscatto

Negli anni Settanta e Ottanta, nella cantina Kaggio, Totò Riina e Bernardo Brusca producevano il vino dei boss. Era un misto simbolico di uva e sangue. Vita e morte. A breve quella stessa struttura servirà a promuovere il vino e gli altri prodotti delle cooperative sorte sui terreni confiscati alla mafia.

A lanciare la scommessa, che ha il dolce gusto del riscatto, sono stati ieri mattina i rappresentanti dello Stato giunti in contrada Pietralunga, in territorio di Monreale, ma a pochi chilometri da San Cipirello, dove sorge l'ex cantina. Alla presenza del prefetto di Palermo Giancarlo Trevisone, il sindaco di Monreale Filippo Di Matteo ha consegnato la chiave dei cancelli al presidente del Consorzio Sviluppo e legalità, Tonino Giammalva. Cancelli riaperti "simbolicamente" proprio dopo 16 anni dalla chiusura. Perché alla cantina Kaggio tutto era un simbolo. Costruita lungo la provinciale che collega Corleone con San Cipirello e San Giusepe Jato. A metà strada fra i Riina e i Brusca. Perché la Kaggio era anche luogo di incontri. Il simbolo di un potere visibile e fino ad allora incontrastato. Ma nel '93 arrivò il sequestro. E  quattro anni dopo la confisca. La mafia sembrava in ginocchio. Piegati dai colpi di uno Stato che seppe reagire all'offensiva stragista. Poi seguirono dieci anni di amministrazione giudiziaria, durante i quali la cantina venne saccheggiata su "commissione". Sparirono i macchinari e rimase solo il ferro dei silos mai utilizzati. "Oggi la struttura di 15 mila metri quadri - spiega Lucio Guarino, direttore del Consorzio - vale appena 650 mila euro". Deprezzato dall'incuria e dai saccheggi, il simbolo dell'abbandono  sembra però destinato ad un progetto di rilancio del territorio attraverso il vino. Una convenzione con l'Istituto regionale della vite e del vino, l'Università di Palermo e l'Esa servirà, infatti, a far nascere una struttura polifunzionale che punta alla formazione, sperimentazione e promozione del vino Doc prodotto nei vigneti del Monrealese. Ieri mattina a ripulire e colorare di speranza l'ex simbolo di mafia c'erano anche i tanti volontari dei campi antimafia "Liberarci dalle spine", venuti da Toscana ed Emilia Romagna. Ad organizzarli sono Arci e Libera che anche quest'anno porteranno oltre 500 volontari a lavorare sulle terre confiscate. "Nei prossimi giorni - racconta Maurizio Pascucci, dell'Arci Toscana - cominceremo la vendemmia". Il sudore, la fatica e la passione dei giovani venuti dall'Appennino servirà a fare aumentare quella vitamina della legalità che dicono sia contenuti nei vini della linea "Centopassi", così come in tutti i prodotti provenienti dalle terre strappate alla mafia:  olio, pasta e legumi che conservano quel fresco sapore di legalità.

Leandro Salvia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search