Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 179 del 19/08/2010 il 18 Agosto 2010
di Redazione

IL PRODOTTO

Tutti quelli di zucca sono commestibili, delicati ma costosi. Sulle tavole da maggio ad agosto. Il produttore: “Buoni con mollica e acciughe o fritti in pastella”

Grazie dei fiori

Delicatissimi, ricercati ed anche molto costosi. I fiori di zucca sono una leccornia che è possibile apprezzare da maggio fino ad agosto e considerate le temperature a volte anche a settembre. Si tratta però di un prodotto molto delicato, che deve essere consumato per lo più in giornata ed è proprio per questo che il prezzo lievita molto al di sopra dei 3/6 euro che è il prezzo all’ingrosso.


La buona notizia è che tutti i fiori di qualsiasi qualità di zucca sono commestibili, che siano i quelli più carnosi ed anche più conosciuti della zucca rossa, quelli più sottili e meno carnosi della zucchina genovese o quelli bianchi della zucchina napoletana. “Personalmente – racconta Rosario Lanza, che da 12 anni coltiva e produce zucchine e quindi anche fiori di zucca a Fiumenera
nei pressi di Scillato, in provincia di Palermo – faccio molta attenzione a non far mancare mai concime organico all’inizio della coltivazione, dopo cioè aver messo a dimora le piantine di diverse qualità. Per ottenere un prodotto con fibre e più carnoso aggiungo azoto, fosforo e potassio”. Quello che molti non sanno è che i fiori che arrivano sulle nostre tavole sono quei “maschi” che non producono la zucca ma servono solo per l’impollinazione.
E da qualche tempo a questa parte, vista l’ascesa della richiesta del prodotto stanno cominciando a nascere dei produttori di soli fiori di zucca che come spiega lo stesso Lanza hanno “inventato” delle varietà ibride che producono soltanto fiori. “Percepire la differenza attraverso il gusto – sostiene Lanza – è praticamente impossibile”.
Come esaltare al meglio il gusto di questa prelibatezza estiva? “A me – dice Lanza - piace mangiare i fiori di zucca ripieni con mollica ed acciughe oppure fritti in pastella o in un bel piatto di linguine con zucchine e gamberetti”.
Assicuriamo che anche una frittata con fiori appena raccolti e ben lavati esalta molto bene il gusto del prodotto. L’unico tasto dolente è la concreta difficoltà nella conservazione dei fiori.
In pratica è meglio non conservarli affatto, piuttosto il consiglio è quello di consumarli a poche ore dalla raccolta. “L’unico metodo di conservazione che permette di mantenere i fiori qualche ora in più senza danneggiarli è il sottovuoto – assicura Lanza -. Tanto che alcune aziende si stanno muovendo in tal senso per portare questo prodotto nei supermercati”.

Piera Zagone
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search