Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 107 del 02/04/2009 il 31 Marzo 2009
di Redazione

La Sicilia a un bivio


La Sicilia a un bivio

Business, ecco qual è da 43 anni la parola d'ordine del Vinitaly, vetrina enologica più in vista in Italia e probabilmente anche nel resto del Vecchio continente. Numeri importanti, quelli di produttori, etichette, buyer e giornalisti che faranno da sfondo a cinque giorni di assaggi e strette di mano tra stand affollati, tappi e bicchieri, hostess e convegni, parole in libertà e lunghe attese per un taxi. Un mix che dovrebbe portare questa fetta significativa del sistema agroalimentare Italia a capire dove va il mercato. Sarà un'occasione per tastare il polso al vino siciliano in un momento particolarmente difficile. I venti di crisi - è inutile negarlo - soffiano anche su vigneti e cantine. In tempi di ristrettezze un prodotto edonistico come la bella e buona bottiglia di vino ne può risentire. Eppure mai come adesso - e sarà una beffa del destino - il momento è strategico per la Sicilia del vino. La nostra regione si presenta ancora una volta in grande forma. Lo dicono i numeri, le circa 250 aziende (lieve flessione rispetto allo scorso anno, ma la crisi probabilmente non c'entra). Ma non solo le cifre. Tra non molto esploderà la grande contraddizione di una regione - la nostra - che ancora oggi produce una quantità enorme di vino sfuso senza identità e con scarse probabilità di avere un futuro da una parte e tante cantine da anni proiettate nei mercati internazionali e con crescite record di fatturato negli ultimi anni da fare invidia al resto d'Italia dall'altra. La contraddizione esploderà perché proprio in queste settimane si parla della possibilità di varare la Doc Sicilia, un'unica Denominazione di origine controllata per tutto il territorio che di fatto dovrebbe impedire di imbottigliare vino fuori dalla nostra regione sfruttando il nome Sicilia che nel mondo del vino - ve lo assicuriamo - ha un forte appeal. C'è chi è contrario: piccoli produttori (che hanno già un definito legame col territorio per alcune Doc già affermate, vedi la Doc Etna) e grandi cantine sociali (che non imbottigliano e il cui unico business è rappresentato dalla vendita di vino sfuso che ancora oggi appetisce i trasformatori del Nord pronti a sfornare milioni di bottiglie col marchio Igt Sicilia). Non sappiamo come andrà a finire ma questo Vinitaly servirà a tracciare il prossimo futuro.
 

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search