Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 107 del 02/04/2009 il 31 Marzo 2009
di Redazione

L'AZIENDA

Anna Maria Milazzo e la sorella Filippa dal 1996 producono artigianalmente il dolce sulle Madonie. "Abbiamo imparato da nostro padre che lo vendeva come ambulante"

Torroni per scelta

Tra i peccati di gola è senz'altro quello più dolce: un'anima di miele, un corpo morbido o croccante, ma sempre arricchito con frutta secca o, nei casi "estremi", con cioccolato. Un'arte antica quella di creare questa delizia che Anna Maria Milazzo e la sorella Filippa, titolari del Torronificio delle Madonie, ad Alimena, hanno imparato dal padre.

"Circa sessant'anni fa - racconta Anna Maria - aveva iniziato a produrre torrone, ma come ambulante. Con mia sorella, nel 1996, abbiamo deciso di aprire la nostra azienda, in cui il dolce viene rigorosamente preparato in maniera artigianale". Ingredienti semplici "e sempre genuini - sottolinea Milazzo - che cerchiamo di reperire quanto più possibile sul nostro territorio", che vengono aggiunti gradualmente durante la cottura. Lunga e lenta, che va dalle 3-4 ore per quello classico bianco friabile con le mandorle, alle otto ore per ottenere quello morbido.
Una produzione che si aggira sui 1.500 chili per quello bianco ed arriva fino ai tremila chili per quello croccante (fatto solo di mandorle e zucchero). "Siamo un'azienda stagionale ed è in particolare in inverno, soprattutto a Natale, che si concentra la produzione". Che non resta certo entro i confini regionali. "Per il momento non abbiamo un mercato all'estero. Ma diversi clienti al Nord Italia, soprattutto in Lombardia e Piemonte". E non si pensi che ad apprezzare il torrone preparato nelle Madonie siano tutti siciliani trapiantati al Nord. "Persino a Cremona - dice con una certa soddisfazione Milazzo - patria del torrone, i nostri prodotti hanno riscosso successo". Per la loro peculiarità tutta siciliana: l'uso di aromi come la vaniglia o l'arancia, di spezie come la cannella e soprattutto il ricorso al miele (e non allo zucchero) per la preparazione. "Aggiungiamo anche cioccolato al nostro torrone - precisa Milazzo - al latte, fondente, ma anche al pistacchio, al limoncello ed all'arancia. Note che lo rendono diverso da quello prodotto in altre zone d'Italia".
Il torrone delle sorelle Milazzo viene venduto essenzialmente nei negozi di prodotti tipici o nelle enoteche, insieme a mandorle, nocciole, arachidi e pistacchi pralinati.
Ma c'è un altro motivo di orgoglio per l'azienda, un altro peccato di gola, forse ancora più conturbante: la pasta di mandorle. "E' un prodotto molto stagionale - spiega Anna Maria - legato soprattutto nel Palermitano alla festa dei Defunti. Noi, da circa sei anni, però, riusciamo a venderlo tutto l'anno. Il segreto? L'abbiamo alleggerito, utilizzando meno zucchero ed almeno il sessanta per cento di mandorle". E niente sensi di colpa: "Produciamo la Martorana in formato mignon, proprio perché chi tiene alla linea possa concedersi questo peccato ogni tanto".
 

Sandra Figliuolo


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search