Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 108 del 09/04/2009 il 08 Aprile 2009
di Redazione

Fregoni: "Ma il disciplinare va bocciato"

Fregoni: "Ma il disciplinare va bocciato"

"La Doc Sicilia? Una buona idea ma l'attuale disciplinare non va bene". Mario Fregoni, ordinario di Viticoltura all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza ed estensore della legge 164/92 (quella che regolamenta la classificazione dei vini in Italia) giudica così l'idea di una denominazione unica.
"Questa prospettiva - spiega - è già prevista dalla 164, d'altra parte avviene già in Piemonte, in Puglia, in Abruzzo. Non c'è nulla di nuovo.alt La normativa prevede che si possa porre un nome geografico più ampio sopra uno meno esteso della stessa regione, basta guardare il Chianti o la Doc Colli Piacentini, dalle mie parti". Ciò che non convince Fregoni, che è stato anche presidente del Comitato nazionale vini Doc, è un altro aspetto della vicenda: "In questo disciplinare non ci sono elenchi di sottozone geografiche come invece richiede la legge. Per esempio il Barbaresco, lo scorso anno, ha inserito cento fra sottozone e microzone, perché la legge prevede che ci sia un elenco specifico. Nel disciplinare della Sicilia, invece, si parla solo delle precedenti Doc. Invece possono essere inserite zone piccole, addirittura singole aziende. E poi viene fatto riferimento a produzioni ad ettaro che in Sicilia non si raggiungono: 120-130 quintali mi sembra esagerato. Inoltre - continua il docente - ritengo vergognoso l'inserimento di una resa del 75% (la percentuale di vino che si può ricavare da un ettero vitato, ndr), inoltre non c'è nulla che riguardi la regolamentazione dei passiti".
Dunque Doc Sicilia da bocciare? "No, sono favorevole se viene inserito un riferimento a sottozone e microzone perché questo vuol dire valorizzazione del terroir. Parlare di una Doc Sicilia così generica - conclude Fregoni - vuol dire massificare delle produzioni. Vuol dire che si vuole fare un vino regionale di base con poco valore".
 

M. V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search