Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 108 del 09/04/2009 il 07 Aprile 2009
di Redazione

L'AZIENDA

altLa trapanese Caruso&Minini punta su un vino pregiato prodotto nel territorio della Doc Delia Nivolelli da distribuire in un circuito mirato, lontano dalla grande distribuzione

Quando Syrah
fa rima con qualità

Mentre il Syrah si afferma nella grande distribuzione organizzata, c'è chi in Sicilia punta anche ad una valorizzazione oltre lo scaffale. Caruso&Minini, azienda del Trapanese, che si dedica anche all'attività enoturistica, è arrivata al Vinitaly 2009 con una selezione di Syrah proveniente dalle vigne della famiglia di Stefano Caruso, in contrada Giummarella, nel territorio della Doc Delia Nivolelli, che destinerà a canali distributivi più mirati.

"Dalle circa 5.000 viti impiantate circa 15 anni fa nei due ettari di vigna, vengono raccolti meno di due chili d'uva per pianta, nel momento in cui il Syrah presenta un livello di maturazione ottimale per raggiungere il nostro obiettivo produttivo - spiega l'enologo Giuseppe Clementi - così solo le uve migliori vengono raccolte e lavorate per ottenere un prodotto fresco, non stucchevole e lontano dalle "marmellate" che si trovano sul mercato".
"Un'essenzialità che - precisa Leonardo Nicotra, sales manager dell'azienda - vogliamo comunicare anche attraverso la nostra etichetta". Sulla quale si legge che si tratta di un vino proveniente da cinque tonneaux, dove viene lasciato due anni  prima di essere imbottigliato. Il risultato è un prodotto che ha risposto a una domanda di integrazione del Syrah nel territorio siciliano e in un canale di mercato dove può essere maggiormente valorizzato: l'horeca. Ma secondo Nicotra "la vera valorizzazione passa per il coinvolgimento di tutti, per questo è importante che anche gli altri viticoltori dell'area si dedichino alla produzione della Doc Delia Nivolelli, spingendo anche loro sulla territorializzazione". Del resto il business sembra essere interessante: agli operatori il nuovo Syrah sarà venduto infatti ad un prezzo di 15 euro, in cassette di legno da sei pezzi. 

 

 

Annalisa Ricciardi


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search