Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 108 del 09/04/2009 il 08 Aprile 2009
di Redazione

L'EDITORIALE

Oltre 150 mila i visitatori ma pochi gli operatori americani, tedeschi e giapponesi. Serve più attenzione per i prezzi dell'accoglienza

Verona, caro-hotel
e vini in passerella

di Fabrizio Carrera

Di ritorno da Verona leggiamo i dati diffusi dall'ente Fiera sul Vinitaly appena concluso. Dati che smentiscono i segnali di crisi con cui molti produttori hanno affrontato la rassegna enologica più importante d'Europa. Oltre 150 mila visitatori nei cinque giorni programmati e soprattutto 45 mila buyers stranieri, duemila in più dello scorso anno, il più alto numero di operatori non italiani mai registrato.

Non abbiamo motivo di non credere a questo dato, tuttavia è doveroso registrare che di americani, tedeschi e giapponesi in giro se ne sono visti pochini. Il mercoledì sera, vigilia dell'apertura del Vinitaly, Verona offriva lo scenario di tutti i giorni, non quello tipico del periodo della fiera, quando via Mazzini, piazza delle Erbe e le strade limitrofe del bel centro storico, pullulano di tantissime persone provenienti da tutto il mondo. Poi per fortuna è andata meglio. Giovedì e venerdì restano i giorni migliori per concludere affari, gli altri giorni sono per il pubblico e gli appassionati, come si è ben visto dalla folla tra gli stand nel fine settimana. A lasciarci l'amaro in bocca è invece il caro-hotel: prezzi alle stelle e lamentele diffuse  per prezzi decisamente troppo alti: chi scrive può raccontarvi di una doppia, uso singola, in un albergo molto vicino al centro con stanza piccola e bagno microscopico pagato a notte ben 190 euro. Se questa è crisi... sarebbe meglio che qualcuno, ente Fiera in testa, si preoccupi anche di tariffe e accoglienza perché se questo è l'andazzo non osiamo pensare quali prezzi potrebbero spuntare il prossimo anno. Il Vinitaly ha già un costo molto alto per le aziende e non si può pensare che cinque giorni a Verona debbano significare un salasso per chi partecipa alla fiera e l'incasso di una stagione per gli hotel.

I bilanci della missione Vinitaly, tornando al vino, sono tra luci e ombre. C'è chi si frega le mani e chi è un po' deluso. Accade sempre così. Ma non credo che ci sia da preoccuparsi, né tanto meno il Vinitaly può essere la tappa decisiva. Importante sì, ma non fondamentale. C'è dell'altro da fare. E poi crediamo che la qualità, l'alta qualità, paghi sempre. E chi ha un marchio forte non ha da temere soprattutto se vive e lavora nel Sud Italia dove la crisi - una certa crisi - c'è da sempre. Ha ragione anche uno che di vino e affari se ne intende come Emilio Pedron, amministratore delegato del gruppo Giv, il Gruppo Italiano vini, prima azienda italiana per fatturato, che vede il Vinitaly come una festa e alle feste - dice - si sorride e si è sempre allegri. E per il vino-protagonista c'è solo una passerella dove sfilare e farsi assaggiare.

Siamo stati pure a Villa Boschi, a Isola della Scala, in provincia di Verona, l'«altro» Vinitaly: in tutto 170 espositori (quasi una decina quelli siciliani) e un clima più disteso e ludico. Tanti banchetti, tanti assaggi, pure un barbecue gigantesco e uno spazio per acquistare. Tutto bello purché non ci si lasci prendere la mano sostenendo idee del tipo «qui è tutto bello, buono, leale e onesto, fuori di qui è tutto un disastro». Insomma, no al manicheismo. I vini sono molto, molto, interessanti. È una tendenza che non va trascurata, qualcuno esagera quando sostiene che sarà il bere del domani, tuttavia cominciamo a tenere in considerazione anche questo mondo. Noi faremo la nostra parte.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search