Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL DIBATTITO

Riccardo Ricci Curbastro dice la sua sulla Doc unica: "Bisogna capire se il successo del Nero d'Avola può essere gestito con l'imbottigliamento entro i confini regionali"

"Il nome Sicilia
sia sinonimo
di qualità"

Non sembra entusiasta, anche se da "uomo delle Doc" e soprattutto da produttore lombardo a stroncare la denominazione unica siciliana non ci pensa neppure. Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Federdoc e proprietario di un'azienda in Franciacorta, dice la sua sulla proposta della Doc Sicilia.



La Doc Sicilia, adesso, è molto più di una proposta. Cosa ne pensa?
"Federdoc non ha potere in merito né possibilità di poter incidere su queste decisioni, perché la Doc, e questo è il bello, nasce dal basso dai produttori. Io sono presidente di Federdoc e soprattutto non produco in Sicilia, non sarebbe corretto dare un giudizio".

Pensa che il nome Sicilia potrebbe attrarre il mercato?
"Il nome Sicilia ha un enorme potere, anche d'immagine, conosciuto in tutto il mondo. Quindi qualsiasi coinvolgimento di questo brand deve avere come obiettivo l'altissima qualità".

Che fine farà l'Igt?
"Inutile negarlo, Igt Sicilia vuol dire soprattutto Nero d'Avola. Bisogna capire se questo successo può essere gestito con l'imbottigliamento entro i confini regionali, così come previsto dal disciplinare della Doc unica".

Ma la gente va ancora alla ricerca delle denominazioni?
"Ritengo di sì, sono sempre convinto che le Doc siano il grande patrimonio di questo Paese, perché rappresentano il territorio, lo identificano. E l'Italia è fatta da tanti territori. Va di moda il federalismo ma nel vino, nella cultura del cibo, nel nostro modo di essere, nei nostri dialetti, c'è tanto federalismo, c'è tanta cultura locale e il vino lo rappresenta in pieno. È chiaro che a fianco a questi prodotti abbiamo anche prodotti che, viceversa, sono in grado di competere con quelli del nuovo mondo che sono sostanzialmente vini a base di varietà. Il Pinot grigio è una grande risposta al successo del Sirah o del Cabernet sauvignon australiani. Vorrei dire anche Nero d'Avola, ovviamente".

In Sicilia di Doc ce ne sono 22. Qualcuno dice che sono troppe.
"Innanzitutto, al di là della Sicilia, forse 356 denominazioni quante sono quelle italiane, sono comunque troppe a livello nazionale e lo dico da presidente della Federazione delle denominazioni. C'è stata una rincorsa al particolarismo e tante volte il particolarismo non aiuta sul mercato".
 

M.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search