Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 162 del 22/04/2010 il 25 Aprile 2010
di Redazione

I GIURATI/2

Delusione per questa seconda giornata al concorso mondiale di Bruxelles in svolgimento a Palermo da parte di Thierry Graudie, giurato al concorso, che ha trovato vini non all’altezza. Attesa invece per il turno dei vini siciliani: “Non vedo l’ora di valutarli, con loro la competizione si fa dura”

Il viticultore
della Fronsac:
"Rossi
un po' deludenti"

Seconda sessione un po’ deludente per Thierry Graudie, viticultore della Fronsac. “I vini valutati ieri erano tutti di ottimo livello. Non sono stati all’altezza quelli degustati oggi”. I bianchi sarebbero quelli che sono piaciuti di più al produttore, ma anche le bollicine non sono state da meno.

Degustazione difficile invece per quanto riguarda la batteria dei rossi e al riguardo il produttore muove una critica alla sequenza stabilita nella degustazione. “Abbiamo avuto difficoltà, nel mio gruppo, nel valutare i rossi. I primi degustati erano tutti giovani, molto concentrati e strutturati, molto freschi e carichi di frutta. Cosa che ha compromesso il giudizio degli altri a seguire, i rossi della Borgogna, più eleganti e morbidi - spiega Graudie -. È stato invece per me facilissimo riconoscere i vini della mia regione. Li ho individuati immediatamente”. Bilancio comunque positivo che ha riservato anche non poche sorprese. “I vini macedoni mi hanno colpito. Davvero eccellenti”, ammette soddisfatto. Anche la China si è presentata con i suoi vini al banco del produttore francese ma senza incontrare il suo favore. Entusiasmo invece per la Catalunya degustata nella prima giornata. “I vini dell’area Priorat mi hanno davvero conquistato. I migliori fino ad ora che ho assaggiato. Non male anche quelli californiani e del Portogallo”. Grande attesa soprattutto per i vini siciliani. “Non vedo l’ora di valutarli, con loro la competizione si fa dura. E poi mi piacerebbe premiare quelli del mio amico Francesco Spadafora. Adoro i suoi vini”. Non solo la Sicilia del vino sarebbe nel cuore di Graudie che apprezza il carattere della gente e l’ospitalità. “Vengo sempre volentieri in Sicilia e a Palermo. Mi piace tutto di quest’isola, soprattutto le persone. Il loro carattere così aperto. Quando posso porto i miei bambini, anche loro se ne sono innamorati”. Alla sua terza edizione del concorso come giurato, il produttore ha anche apprezzato l’organizzazione e le risorse umane impiegate. “A Palermo ho trovato una macchina organizzativa perfetta, con personale altamente professionale”.

Manuela Laiacona
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search