Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 162 del 22/04/2010 il 25 Aprile 2010
di Redazione

I GIURATI/3

Giudizi positivi sulla scelta di Palermo come capitale del vino da parte del giornalista austriaco Eder  “Rispecchia l’internazionalità a cui il concorso è giunto”

"Folgorato
dall'Etna"

“Sono convinto che la scelta di Palermo renda ancora più internazionale lo spirito del concorso. Trovo giusto che si sia deciso di farlo un una città che si affaccia sul Mediterraneo e che non solo ha una lunga storia d’amore col vino, ma è essa stessa ponte tra l’Europa ed il mondo intero”, a parlare è Christian Eder, giornalista austriaco e corrispondente per il winemagazine Vinum.


Soddisfazione accompagnata da una critica positiva nei confronti della manifestazione,  in cui riscontra una sempre maggiore maturità ed internazionalità. La kermesse si sarebbe evoluta da una situazione iniziale di chiusura nei confronti dei paesi del “Nuovo mondo del vino”, fino alla recente apertura verso  le nazioni emergenti. “Prima si faceva tutto a Bruxelles, ma ora noto una buona partecipazione di colleghi del resto del mondo e di vini interessanti da molte nuove zone - spiega Eder, che ha inoltre giudicato un buon livello nella qualità dei vini proposti in concorso. “E’ sempre molto difficile indovinare la zona di provenienza, ogni tanto proviamo a fare delle supposizioni con i colleghi e c’è chi è sicuro che il vino degustato appartenga al proprio paese, per poi scoprire che appartiene nell’emisfero opposto”, racconta divertito l’austriaco.
Parlando di Sicilia invece, Eder svela di averla visitata un paio di volte “Sono stato a Palermo a gennaio scorso per un reportage, ho visitato Sciacca per Sicilia en Primeur e due anni fa sono stato sull’Etna”. Dimensioni completamente diverse e tanti progetti nuovi sono le considerazioni principali dell’austriaco sulla nostra viticoltura, mentre tra tutti i terroir quello che lo ha più conquistato è l’Etna, al di là delle mode passeggere.

Laura Di Trapani


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search